Coronavirus: La Rete è Live – episode 1 foto

Coronavirus: La Rete è Live - episode 1

di Sabrina Sigon

 

Scarica l’app.

Registrati.

Riempi il carrello.

Come funziona il meccanismo di questa spesa è presto detto: si parte dall’ordine che arriva al punto vendita, viene preparato e poi ritirato dopo l’orario stabilito.

È semplice accedere al sito che ormai la maggior parte dei supermercati ha reso disponibile per fare la spesa online. Supermercati che, in questa prima settimana di quarantena lombarda, e da poche ore nazionale, hanno incrementato di molto le richieste di spesa telematica; qualcuno di loro ha ampliato il servizio attivando, per la consegna a domicilio della stessa, l’offerta gratuita fino a Pasqua per gli over 65..

«In questi giorni di grandi richieste» dicono programmatori e ingegneri informatici che seguono la gestione di questi servizi per diversi supermercati della zona, «la sfida è quella di riuscire a evadere gli ordini al massimo entro il giorno successivo all’arrivo».

E questo mondo che si sposta dal reale al virtuale non come ipotizzavano letteratura e filmografia degli anni ’80 ma comunque con tecnologie e risorse non indifferenti potrebbe fra non molto utilizzare anche dispositivi che adottano la tecnologia per mostrare e raccontare la storia dei prodotti, oppure dei comandi vocali per scegliere gli acquisti e metterli nel carrello. Nato per dare un servizio aggiuntivo all’offerta già ampia dei grandi punti vendita, la spesa online diventa indispensabile in questi giorni dove le restrizioni rispetto agli spostamenti rendono difficile e rischioso recarsi personalmente a fare la spesa.

Virtuale è anche la nuova avventura della prima palestra online formata da 100 Personal Fitness Coach di tutta Italia, in rete con il gruppo pubblico Allenati con i Personal Fitness Coach, gruppo che nasce con lo scopo di aiutare le persone a stare meglio, a trovare le soluzioni per chi non vuole rinunciare all’attività fisica che, fra le altre cose, specialmente in questo periodo è importante per la salute. Tutti i giorni verranno proposti in varie fasce orarie (7-13-19-19.30) format di lezioni. «In questo periodo particolare abbiamo deciso tutti noi PFC Italia» dice Alida Pedersini nel primo video postato sulla pagina FB del gruppo «di organizzare queste lezioni dove andremo a trattare temi di tonificazione, allenamenti funzionali, allenamenti di Pilates, per dare la possibilità a tutti i nostri clienti di seguirci e partecipare anche a distanza, dietro uno schermo, visto che in questo momento abbiamo delle restrizioni da parte delle nostre regioni». Ogni giorno verranno dati gli appuntamenti da seguire in questo gruppo dove chiunque può vedere i contenuti perché è pubblico. E perché, leggo nel sito: “Noi Personal Fitness Coach abbiamo a cuore la salute di tutti, più che mai in momenti come questi!”.

Un grande movimento di artisti si sta attivando per rendere disponibili in rete house concert, reading letterari, iniziative di cui parleremo che hanno lo scopo di mantenere l’attenzione sulla cultura, molto penalizzata da quanto sta accadendo in questo difficile momento in cui gli artisti sono fermi e i locali chiusi.

ConoèLive è il concerto organizzato da questa stessa emittente che ha coinvolto e visto partecipare i tanti posti di Como e provincia che fanno musica, come Nerolidio Music Factory e Officina della Musica, Music for Green Events, BeBop Como, Joshua Blues Club, Circolo Arci Xanadù, Birrivico Borgovico Street, Festival del Cinema a Como, Teatro Città Murata, Allincirco, Cono Lake Burlesque Festival, con grandissimi artisti che, attraverso house concert, hanno fatto rete e messo in rete i loro pezzi per ricordare quanto è bello ascoltare e vivere la musica.

«Sono tempi duri per la musica dal vivo. Per chi la fa, per chi l’accoglie nei locali, per chi ama ascoltarla, per chi vuole assolutamente saltare sotto un palco» dice la giornalista Alessia Roversi e aggiunge: «si parla tanto di scuola e di molte altre difficoltà ma si parla poco degli operatori dello spettacolo; noi vogliamo rompere questo silenzio, e dimostrare la nostra vicinanza ai musicisti».

«E allora Tacabanda!» esclama per lanciare il video del concerto. Un modo simpatico per dire: Ok, via, cominciamo. E diamoci da fare!

 

… to be continued