Coronavirus: La Rete è Live – episode 54

Coronavirus: La Rete è Live – episode 48

Più informazioni su

    di Sabrina Sigon

    &nbsp

     

     

    CENTRO PSICOEDUCATIVO DICOBENE di Montano Lucino

     

    Comincia un nuovo progetto ideato dalle Neuropsicomotriciste/Psicomotriciste del gruppo.

    In seguito alla richiesta di molti genitori che hanno chiesto suggerimenti circa attività educative da fare insieme ai loro bimbi in questo periodo (ma anche dopo, considerando che le scuole continueranno ad essere chiuse), è nata l’idea di utilizzare la rete per inviare attività calibrate secondo l’età e le esperienze dei bambini.

    Ecco una serie di obiettivi che si propongono con questa attività:

    – potenziamento funzioni esecutive: imitazione, memoria di lavoro, percezione, organizzazione visuo-spaziale e temporale, attenzione

    – abilità prassico-motorie

    -coordinazione occhio-mano

    -movimento selettivo delle dita

    La psicomotricista Grazia Schettino presenta inoltre un divertentissimo gioco rivolto a:

    – organizzazione e progettazione dell’attività ludica;

    – stimolazione motoria generale;

    – rinforzo dei tempi di attesi e della turnazione;

    – rinforzo della percezione spazio-temporale;

    – Riconoscimento e memorizzazione delle figure geometriche.

    La Neuropsicomotricista Daniela Caló presenta un gioco con i seguenti obiettivi:

    coordinazione motoria generale,

    coordinazione occhio-mano,

    equilibrio dinamico,

    organizzazione spaziale.

    Tutto sulla pagina Facebook. Nel caso di richieste personalizzate, la mail a cui rivolgersi è centrodicobene@gmail.com

    AILA ONLUS ALBIOLO – Associazione Italiana Lotta Abusi by Ada Orsatti

    “Ci battiamo per eliminare ogni forma di discriminazione o di non osservanza e violazione delle normative che tutelano i diritti delle persone con disabilità e in condizione di fragilità sociale, cerchiamo di creare le condizioni affinché la società sia sempre più inclusiva e permetta a tutti di vivere in modo pieno e il più indipendente possibile, eliminando gradualmente tutte le barriere culturali e architettoniche”.

    Un bell’esempio di fare rete quello di AILA che sta a fianco dei ristoratori: una petizione per aiutare i commercianti a ripartire.

    Dall’Articolo uscito sul giornale di Olgiate

    È l’ultima iniziativa di Davide Schirru, Ada Orsatti e della sua Associazione Italiana Lotta Abusi, in collaborazione con CISAL Torino. L’idea viene incontro specialmente ai gestori di bar e ristoranti che, al momento della riapertura, dovranno dimezzare il numero di posti a sedere per garantire la distanza di sicurezza tra i tavoli. La proposta, quindi, è quella di poter usare gratuitamente spazi pubblici, dove posizionare i tavoli all’aperto. << I commercianti sono una delle categorie economicamente più colpite dall’emergenza COVID-19 – afferma Orsatti – Il nostro intento a chiedere i comuni di aiutarli, concedendo loro spazi per ampliare i propri coperto. Ovviamente, il tutto andrà fatto senza creare barriere architettoniche impedimenti. Magari si potrebbero fornire loro anche tavolini e le panche usate per le feste, Per evitare una spesa supplementare. Spero ci sia collaborazione da parte di tutti>> la petizione, aperta domenica 3 maggio su change.org raggiunto in pochi giorni 140 firme.

     

    BIBLIOTECA LOC. CAVALLASCA – VILLA IMBONATI

    La storica cornice di Villa Imbonati accoglie la Biblioteca della località di Cavallasca, un patrimonio culturale che annovera romanzi, libri per bambini e ragazzi, saggi, film, documentari, film d’animazione e una sezione di storia locale. Per essere vicina ai suoi utenti, in questo prolungarsi dell’emergenza Covid-19 che non permette ancora di riprogrammare gli “Incontri con gli autori”, la Commissione Biblioteca ha pensato di inviare le anticipazioni dei prossimi appuntamenti postando sulla pagina Facebook incontri con libri e autori. In questi giorni possiamo trovare:

    Gian Paolo Gazzola e il suo romanzo “L’angelo nero. La dama oscura”. Ecco il link per scoprire di cosa si tratta!

    (“I libri si rispettano usandoli, non lasciandoli stare.”

    Cit. da “Come si fa una tesi di laurea” di Umberto Eco)

     

    Un altro appuntamento interessante è quello con il mondo del TEATRO, e un piccolo esercizio da svolgere e i saluti di Claudia Fontana: attrice, educatrice teatrale e regista, con cui il Comune di San Fermo della Battaglia collabora per la realizzazione del centro estivo e molti progetti scolastici. Ecco il link, buona visione!

    https://www.claudiafontana.it/

    (“Il teatro è poesia che esce da un libro per farsi umana”.

    – Federico Garcia Lorca -).

     

    TEMPO RITROVATO LIBRI

    La libreria tempo ritrovato libri nasce dalla trasformazione del Bistrò del Tempo Ritrovato, caffè-libreria attivo a Milano dal 2007 al 2016. “Noi, di tempo ritrovato libri, crediamo che lo scambio reciproco sia ancora oggi l’atto fondante e fondamentale di una società civile. E perché non iniziare a contribuire allo scambio a partire dalle personali esperienze di lettura all’interno di una libreria piccola e indipendente”.

    Martedì 12 maggio alle ore 19.00 in diretta streaming presentazione del libro: Statale 106 di Antonio Talia – minimum fax

    Dialogheranno con l’autore:

    Massimo Pisa (giornalista La Repubblica)

    Eleonora Aragona (giornalista per Linkiesta e Left)

    Con l’istinto infallibile del giornalista d’inchiesta, la passione del romanziere e l’emozione di chi racconta la propria terra d’origine, Antonio Talia ha costruito un reportage lucido e pieno di rabbia, un’immersione nel male che ha il sapore aspro della verità.

    Un viaggio di 104 chilometri su una strada a doppio senso, stretta tra le acque del mar Jonio e le pendici dell’Aspromonte: il percorso da Reggio a Siderno dura solo un’ora e mezza di auto, ma dalla Calabria si ramifica attraverso cinque continenti e oltre quarant’anni di crimini. Dall’omicidio del potentissimo amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato Lodovico Ligato fino a maxioperazioni di riciclaggio a Hong Kong; dai rapporti privilegiati coi narcos colombiani fino al brutale assassinio del giornalista Ján Kuciak e di Martina Kusnírová, in Slovacchia; dal più grande carico di ecstasy di tutti i tempi nascosto nel porto di Melbourne, fino alle guerre che stanno insanguinando i sobborghi di Montréal e Toronto: guidare sulla Statale 106 significa risalire fino alla sorgente del fenomeno globale ‘ndrangheta, un’organizzazione capace di celebrare i riti ancestrali di una Madonna in lacrime mentre mette a segno spericolate operazioni finanziarie internazionali da milioni di euro. «Statale 106» è un viaggio dentro la storia e la psicogeografia, e il suo punto d’arrivo non può che essere quello di decifrare la mente degli affiliati. Con l’istinto infallibile del giornalista d’inchiesta, la passione del romanziere e l’emozione di chi racconta la propria terra d’origine, Antonio Talia ha costruito un reportage lucido e pieno di rabbia, un’immersione nel male che ha il sapore aspro della verità.

    la rete è live

    &nbsp

    To be continued…

    Più informazioni su