Coronavirus: La Rete è Live – episode 18

Coronavirus: La Rete è Live – episode 18

di Sabrina Sigon

 

 

Progetto Atlante – Covid19. Chi aiuta coloro che aiutano? “Atlante era un titano che venne punito da Zeus in modo particolare: fu destinato a reggere la terra sulle spalle”, scrivono sulla presentazione del sito. “Ed è da qui che prende il nome la prima vertebra della colonna vertebrale, poiché essa sostiene il cranio così come il titano regge la sfera celeste. Gli operatori sanitari sono gli Atlanti di questa emergenza COVID – 19: aiutiamoli a reggere il peso della loro missione lavorativa. È fondamentale, infatti, dare un supporto a tutti coloro che si trovano in prima linea a combattere il virus; gestire questa emergenza in tutti gli aspetti della sua gravità è un peso che va oltre il normale svolgimento della professione medica e infermieristica, e questo progetto si propone di dare un supporto concreto a quelli che ne avranno bisogno”. Quindi se sei un operatore sanitario di Como e provincia e senti il bisogno di un supporto non esitare a contattare i terapeuti del progetto Atlante che si mettono a disposizione per dare anche il loro aiuto, in questo momento così difficile. Ideato dagli psicologi Daniele Cavadini, Alessandra Riva e Rosangela D’Andrea, il progetto coinvolge molti operatori del settore fra cui la psicologa comasca Simona Bennardo, e si propone di aiutare ad alleggerire il carico emotivo di medici, infermieri e operatori sanitari; carico che se trascurato, fra le altre cose può indebolire l’organismo e rendere le persone più vulnerabili. Al servizio si può accedere con una semplice mail: progettoatlantecomoCOVID19@gmail.com e, alla stessa mail, possono scrivere psicologi e psicoterapeuti che vogliono unirsi a questa iniziativa.

la rete è live

CoopAttivaMente. CULTUR&SHOCK. “Come stai?” – Questa è la domanda che ci stiamo facendo. E, immaginando che stai a casa, esattamente come noi, sentiamo la necessità di costruire nuove azioni che permettano di mantenere vivo quel legame che fino a poco tempo fa era fatto di parole, incontri, abbracci, sguardi e applausi – scrivono sull’evento postato nella pagina Facebook. Perché “La situazione attuale sta mettendo in profonda crisi il settore culturale italiano, nel presente ma anche nel futuro imprevedibile che lo attende. Focalizzarsi su come mitigare gli effetti economici delle chiusure forzate e su come garantire gli stipendi ai propri operatori, rappresenta sicuramente una problematica importante. Ma in questo periodo il mondo culturale deve porsi un’altra grande domanda che chiama in causa la responsabilità di questo settore verso la società in generale: “Come sta il mio pubblico?” Simboli, significati e concetti della nostra cultura sono stati bruscamente modificati, con ricadute anche importanti sul benessere psicofisico delle persone. Compito primario diventa quindi quello di accompagnare le persone nel processo di ridefinizione di questi elementi fondanti della nostra identità, sostenendole in questo tempo di profonda metamorfosi e smarrimento, aiutandole a capire quello che sta succedendo oggi per poter individuare orizzonti di possibilità per il futuro. In questi giorni difficili, la Cooperativa AttivaMente si è quindi chiesta come portare avanti, se non le attività, almeno il senso del proprio lavoro, interrogandosi sul ruolo che può/ deve avere in questo momento per le persone e per la società in generale (al di là dei problemi contingenti che ovviamente sta vivendo)”. Per partecipare all’evento programmato per martedì alle ore 18.30 basta mandare una richiesta via mail a: info@coopattivamente.it.

coop attivamente culture shock

OrizzonteScuola.it. Aiutiamo la scuola! Esperti digitali in supporto a prof. e studenti. “Aiutiamo La Scuola è nata in poche ore, durante le prime ore del lockdown che ha portato alla chiusura delle scuole in tutta Italia; è un’iniziativa no profit di alcuni esperti digitali che hanno deciso di dedicare del tempo per permettere a tutti di seguire la didattica a distanza imposta dall’emergenza causata dal Coronavirus. Un modo per aiutare docenti e studenti meno avvezzi alle nuove tecnologie a far proseguire senza intoppi l’attività scolastica.

L’iniziativa, che appena lanciata ha avuto subito un buon riscontro con quasi 200 iscritti da tutta Italia, è nata all’interno di una community di professionisti che coinvolge informatici, consulenti, marketers, sviluppatori e creativi. Dalle prime ore dal lancio sono già iniziate ad
arrivare decine di richieste di supporto tecnologico: da come configurare una mail a come condividere un video. “In questi giorni – spiegano i promotori del progetto – è capitato a tutti di ricevere richieste di aiuto da parte di amici professori o di genitori con figli che erano in difficoltà e non riuscivano a sbloccare la situazione. Ci sono infatti tanti piccoli problemi che, per chi non ha dimestichezza con dispositivi, connessioni, account e accesso ai portali diventano insormontabili. Da qui è nata l’idea di Aiutiamo la Scuola. In poche ore il progetto ha preso vita ed è subito cresciuto: è diventato un sito internet tramite cui offrire o chiedere aiuto e su Facebook “Il gruppo di Aiutiamo la Scuola” per mettere in contatto esperti e inesperti. Il funzionamento è semplice: chi ha bisogno di aiuto si registra sul sito www.aiutiamolascuola.it fornendo i dettagli della richiesta e sarà poi
ricontattato dagli esperti digitali che si sono proposti tramite lo stesso sito, nel quale hanno indicato competenze e disponibilità orarie. Hanno lanciato il progetto: Fabio Signoretti, Matteo Menchetti, Mirko Ciesco, Chiara Indelicato, Marco Terzo, Simone Carletti, Fabio Antichi, Lorenzo Brandimarte, Francesca Baldini, Silvia Foglia e Fiammetta Gamboni.

 

CLUB TO CLUB #20TRACKSOF a daily music selection for slow living. Una playlist di musica lunga come la quarantena! Club to Club – uno dei più importanti festival internazionali di musica avant-pop – ha coinvolto un gruppo di artisti italiani a realizzare una lunga traccia sonora, capace di farci riscoprire lo “slow living” e di accompagnarci in questo necessario periodo di “reclusione domestica”.

La musica scelta da STILL, Artetetra, Marta De Pascalis, Bienoise, Silvia Kastel, Mana, Spiritual Sauna, 72-Hour, Chevel e molti altri, andrà a comporre ogni giorno su Spotify una playlist di 20 tracce, che terminerà solo alla fine della quarantena italiana.

ASCOLTA

 

L’Associazione MuseoCity, in collaborazione con Milanoguida, lancia CAPOLAVORI e tante storie fai da te, un contest per reinterpretare 11 opere d’arte selezionate tra le collezioni dei musei milanesi. CAPOLAVORI e tante storie fai da te nasce con l’intento di coinvolgere un pubblico sempre più vasto alla partecipazione della vita artistico-culturale della città, di renderlo più consapevole dell’importanza del patrimonio museale cittadino e di offrire uno strumento in più per affrontare le lunghe giornate in casa. CAPOLAVORI e tante storie fai da te è un contest aperto anche ai bambini: un modo nuovo per avvicinarli al mondo dell’arte, offrendo un momento di creatività e di partecipazione.

Per maggiori informazioni: http://www.museocity.it

la rete è live

 

 

To be continued…