Quantcast
Teatrogruppo popolare

Una settimana di eventi per la “Giornata di Teatro Civile 2022”

Partirà giovedì 21 aprile la programmazione dell'VIII edizione della Giornata di Teatro Civile organizzata da TeatroGruppo Popolare

teatrogruppo popolare IV giornata teatro civile

In occasione dell’VIII edizione della Giornata di teatro civile 2022, TeatroGruppo Popolare distribuirà gli eventi in programma in momenti diversi, allo scopo di consentire un intenso intervento da parte della popolazione, soprattutto studentesca, agli spettacoli proposti. Obiettivo del progetto è quello di appassionare la popolazione studentesca e non ai temi di carattere civile, mettendola in contatto diretto con il concetto di cooperazione per il raggiungimento di finalità comuni, facendo in modo che la popolazione stessa sia parte attiva nell’attività proposta.

PROGRAMMA DEGLI EVENTI PER LA GIORNATA DI TEATRO CIVILE 2022

Giovedì 21 aprile alle ore 21, presso lo Spazio Gloria andrà in scena lo spettacolo di stand-up comedy, Stefano Rapone live. Questo spettacolo si distingue per una comicità monotono che si scontra invece con la violenza delle critiche che il comico rivolge verso se stesso e verso il mondo. Rapone scrive e disegna fumetti quali Marco Travaglio Zombi e Natale a Gotham coi quali fa i soldi e fugge all’estero per realizzare il suo sogno: vivere come vivono i ricchi. Lo spettacolo è organizzato da The Comedy Club, TeatroGruppo Popolare, Circolo Arci Xanadù, Terra Viva, Collettivo84 e Comitato Assemblee Popolari.

Stefano rapone stand up comedy al gloria

Sabato 23 aprile, alle ore 10, la Piccola Accademia di via Castellini 7 a Como ospiterà una porzione del progetto Isole creative tra due fiumi, Camminleggendo, promosso dall’associazione Sentiero dei Sogni. Percorrendo la lunghezza di un filo di seta (circa 1,5 km) si incontrano cinque realtà nate rigenerando spazi dismessi. Isole all’interno dei quartieri operai di Como Borghi e San Martino, cresciuti tra due torrenti, il Fiume Aperto e il Cosia, camminando, raccontando e leggendo. Con la collaborazione di TeatroGruppo Popolare, Museo della Seta e Libreria del Ragionieri Bianchi, con il sostegno di Fondazione provinciale della comunità comasca Onlus, e della rassegna Gener-azioni, creata da Confcooperative Insubria con il Consorzio Abitare. Conduce il percorso Pietro Berra.
Sempre alla Piccola Accademia, i ragazzi di UDS Como terranno un incontro sulla salute mentale: dalle 15 alle 16.30, assemblea aperta per trattare le ripercussioni del sistema scolastico sulla salute mentale degli studenti; dalle 17 alle 18 laboratorio artistico di libertà creativa; dalle 18 aperitivo e esibizione di drag.

Domenica 24 aprile, alle ore 21, presso il Centro Polifunzionale di Gravedona, sarà messo in scena lo spettacolo teatrale dal titolo Un giorno tre autunni, una produzione di TeatroGruppo Popolare, con Cosetta Adduci, Virginia Adduci e Olga Bini. Tre donne, Rita Atria, Felicia Bartolotta e Francesca Morvillo, nello spettacolo si domandano quanto sia stato utile il loro sacrificio e quello degli uomini che hanno accompagnato, e arrivano alla preziosa seppure dolorosissima conclusione che grazie a loro il mondo ha potuto considerarsi migliore, che quel giorno – immane come tre autunni – non è stato inutile. Un giorno tre autunni vuole onorare il loro impegno e il loro sacrificio, in quanto persone coraggiose, in quanto ribelli di fronte alla soperchieria della mafia, oltre che la sanguigna vicinanza a uomini come Peppino Impastato, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino.

Un giorno tre autunni Teatrogruppo Popolare

Giovedì 28 aprile, alle ore 19, per la chiusura della “Giornata di Teatro Civile 2022”, la Piccola Accademia ospiterà lo spettacolo Il bambino che non voleva essere un lupo. Dodici attori di TeatroGruppo Popolare hanno memorizzato le pagine di un libro. Un libro in cui viene immaginato un mondo diverso, più giusto, a misura d’uomo, un mondo in cui tutti fanno parte di un’unica famiglia, quella umana, dove non ci sono confini, barriere, muri o bandiere, dove i diritti sono di tutti e non diventano mai privilegi. Un mondo dove un uomo non è mai lupo per un altro uomo ma semplicemente fratello. Questo racconto è dedicato a Vittorio Arrigoni, detto Vik. È lui il bambino che non voleva essere un lupo. Diventato grande Vittorio ha dedicato tutta la sua vita ai più deboli, ai dimenticati del mondo, ai bambini privati dei loro diritti, agli uomini e alle donne vittime delle violenze e dei soprusi. Allo spettacolo seguirà un incontro che vedrà ospite Egidia Beretta, madre di Arrigoni.

Per informazioni: info@teatrogruppopopolare.it

commenta