10 posti inaspettati per fare il bagno in Lombardia foto

Più informazioni su

    Sarà un’estate in cui molti rinunceranno al mare. Per via delle limitazioni e/o per le ristrettezze economiche in cui l’epidemia ha ridotto gran parte degli italiani, l’amata vacanza al mare salterà per quest’anno. Per fortuna abitiamo in Lombardia, non c’è il mare, ma di certo non manca l’acqua! I grandi laghi come il Lario, il Verbano e il Benaco o i tanti laghi prealpini ci danno la possibilità di stendere l’asciugamano a bordo acqua e sognare la riviera adriatica o le spiagge del Salento.

    Oltre ai laghi anche i fiumi lombardi sono luoghi dove fare un tuffo rinfrescante, i luoghi migliori sono nelle province della Lombardia meridionale dove i corsi d’acqua hanno dimensioni considerevoli, ma anche in qualche torrente dalle nostre parti si può fare un buon bagno immergendosi in pozze di acque cristalline che sembrano piscine, spesso incastonate in una natura spettacolare. Certo bisogna avere un po’ di accortezza perchè si tratta, quasi sempre, di zone rocciose, magari difficili da raggiungere e poi occorre fare i conti con la corrente, la scivolosità delle pietre e…l’acqua fredda.

    Di seguito abbiamo raccolto 10 posti, entro 100 km da Como città, dove fare il bagno in tranquillità (sempre con le dovute accortezze e valutando lo stato del corso d’acqua che, dopo un temporale, si ingrossa in pochissimi minuti).

    &nbsp

    Torrente Livo a Domaso

    &nbsp

    Partendo dalla spiaggia di Domaso dove il Livo sfocia nel lago, un bel sentiero segue il torrente Livo e dopo poco si incontrano le prime pozze unite da cascatelle. I più temerari possono addirittura tuffarsi in alcune pozze più profonde. A Domaso e dintorni tutti “son venuti grandi puciandosi” nelle pozze del torrente.

    Più a monte, in prossimità del Crotto Dangri, il Livo riceve le acque del torrente Bares e qui, se non siete freddolosi, potrete immergervi in vasche poco profonde di acque cristalline.

    bagni in lombardia

    Val di Mello

    Con il nome poco elegante di “bidet della Contessa” i locali indicano il laghetto della Valle di Mello, vallata  laterale alla  Valtellina, che si insinua tra giganti alpini culminanti con i quasi 3300 metri del Monte Disgrazia le cui nevi fanno da sfondo costante su tutta la vallata. Un facile trekking da San Martino permette di svelare gradualmente la valle riservando sorprese fatte di torrenti, laghi cristallini, cascate spettacolari, pareti vertiginose, prati, boschi verdissimi e borghi usciti dalle fiabe.

    Durante i mesi estivi non si può utilizzare l’auto, ma si deve prendere la navetta che parte dal parcheggio all’ingresso del borgo di San Martino. La navetta lascia porta all’inizio del sentiero, sulle rive del torrente a Ca’ Panscer, dove la mulattiera procede con lieve pendenza su grandi ciottoli e giunge in circa 15 minuti al laghetto cristallino in cui si specchiano i monti intorno. Il lago è’ circondato dalla vegetazione e contornato da grandi massi che invitano a gettarsi nelle sue acque gelide e salutari.

    bagni in lombardia

    Cascate dell’Acquafraggia

    Rimaniamo da quelle parti, a Piuro in Valchiavenna  le cascate si trovano nei pressi dell’abitato di Borgonuovo. Le cascate dell’Acquafraggia sono uno dei tanti spettacoli che la natura ci sbatte sul naso: imponenti, immerse nel verde, con un torrente accessibile e un sentiero abbastanza facile che permette di raggiungere il loro apice.  Lo spiazzo verde nei pressi delle cascate è largo e offre rifugio a numerosi turisti, per cui se non siete tipi da scalate montane potrete lo stesso sdraiarvi sull’erba ammirando lo scroscio d’acqua e spostarvi di tanto in tanto verso il torrente per bagnarvi i piedi o farvi un bagno. Dicono che l’acqua non è poi molto fredda.

    bagni lombardia

    Le Pozze di Erve

    &nbsp

    Scendendo verso Lecco ecco due luoghi suggeriti dal blog daichepartiamo.com. Il primo si trova nel paesino che si chiama Erve, a seicento metri di altezza, proprio ai piedi del Monte Resegone. Alla fine del centro abitato si trova un parcheggio da cui inizia un sentiero che fiancheggia il torrente Galavesa dalle suggestive pozze d’acqua limpida. La camminata non è impegnativa e permette d’incontrare numerose pozze, ideali per un tuffo. L’acqua limpida e gelata saprà come farvi dimenticare il caldo cittadino. Il sentiero prosegue fino alla fonte San Carlo da cui sgorga acqua minerale naturale.

    bagni lombardia

     Il sentiero delle Vasche di Valmadrera 

    &nbsp

    Sempre in provincia di Lecco, a Valmadrera, esiste un altro percorso rinfrescante oltre che decisamente avventuroso. Si tratta del sentiero delle Vasche di Valmadrera, un sentiero che si avventura per la forra del torrente Inferno, adatto a bambini con minimo 8 anni abituati a camminare e dotati di idonea attrezzatura. Si tratta infatti di un percorso che supera un dislivello di soli 350 metri ma che presenta passaggi abbastanza complessi alcune dei quali attrezzati con catene o staffe. E’ comunque possibile aggirare i passaggi più difficili e arrivare alla fine della forra dove ci si può rinfrescare nelle pozze d’acqua presenti.
    Questo sentiero conduce alla piana di San Tomaso, un bellissimo terrazzo panoramico sui laghi lecchesi dove poter fare un pic-nic o passare una giornata nella natura.

    bagni in lombardia

    Medolago

    &nbsp

    A meno di 50 chilometri da Como c’è una ‘beach’ molto frequentata, è ‘Medolago beach’ sul fiume Adda, uno spazio perfetto anche per un pic nic, grazie alla zona pratosa che degrada dolcemente verso il fiume, ma anche all’area dove è possibile organizzare un barbecue, e agli stabilimenti, dove trovare ogni servizio per stare più comodi possibile. Insomma un vero lido fluviale. Per raggiungerlo si può anche intraprendere un piacevole percorso in bici, che da Calusco si inoltra attraverso strade sterrate e boschi, fino a raggiungere la spiaggia. Il fiume è insidioso, meglio bagnarsi senza spingersi in corrente.

    bagni lombardia

    Buche di Nese

    &nbsp

    Altro interessante itinerario in provincia di Bergamo  è quello che porta alle Buche di Nese, altrimenti dette Pozze di Burro. Questi intimi laghetti si trovano in prossimità di Burro, frazione di Alzano Lombardo, poco a nord rispetto a Bergamo. Da Burro, si intraprende il sentiero 532, che ti porta ad attraversare la natura di un bosco che arriva fino al fiume Nesa.

    È qui che iniziano ad aprirsi una serie di pozze, appunto. Tuttavia, solo la prima è facilmente accessibile, anche dai bambini. Già per la seconda, e in particolar modo per le altre, è necessario arrampicarsi sulla roccia, affrontando un percorso non troppo curato. Per questo è raccomandabile affrontarlo con una certa attenzione.

    bagni in lombardia

    Idroscalo

    Pare scontato inserire l’Idroscalo nei luoghi dove fare il bagno in Lombardia, ma non è così vero, perfino per molti milanesi l’Idroscalo è quasi un mito, tutti sanno che esiste questo posto dove-atterravano-gli-aerei ma non tanti ci sono davvero stati. Dagli anni Trenta gli aerei non ci atterrano più e l’idroscalo di Milano è un grande parco con un lungo lago usato per attività ricreative di diverso genere: canoa, canottaggio, pesca sportiva e simili. In estate una parte del lago viene anche aperta alla balneazione: si può fare il bagno, c’è una spiaggia e una grande area attrezzata con giochi gonfiabili in acqua. Altre informazioni sulle cose che si possono fare le trovate qui: l’Idroscalo si trova nel comune di Novegro, vicino all’aeroporto di Linate, poco oltre la circonvallazione est di Milano.

    bagni lombardia

    Cascate di Ferrera 

    Questa cascata è nota anche con un secondo nome molto intrigante: la “cascata nascosta”. Si trova  a Ferrera  in provincia di Varese. Sbuca praticamente dal nulla e dopo un salto di 30 metri finisce in un laghetto dalle acque limpidissime dove si può anche fare un bagno rinfrescante; tutto l’ambiente circostante richiama la calma e la serenità di ambienti incontaminati: sembra di stare nella preistoria, a pochi passi dal mondo moderno.  Il vantaggio di questa località è dato dalla sua comodità. Si raggiunge  con una breve passeggiata a piedi, dopo aver lasciato l’auto nei pressi del bar “Cascata”, tanto per non sbagliare.

    bagni lombardia

    Val Verzasca

    L’ultimo luogo  si trova un po’ oltre il confine lombardo, immersa fra le alture della Svizzera. Tuttavia, è così bella che non si può non menzionare, e da Como si raggiunge comodamente in un’oretta non appena sarà possibile. Si segue la Como-Chiasso fino a Bellinzona Sud, e poi le indicazioni per la Val Verzasca. Fra i paesini della valle, da Tenero a Posse, partono poi i sentieri che arrivano al fiume Verzasca. Ci si può adagiare sulle ampie rocce che fanno da argine, e tuffarsi nelle sue acque, tra le più trasparenti in tutta Europa. I più temerari possono raggiungere la Diga del Verzasca, e lanciarsi in bunjee jumping da un’atezza di 220 metri. La località consigliata è il Ponte dei Salti a Lavertezzo

    &nbsp

    Qualche anno fa la Val Verzasca balzò improvvisamente agli onori delle cronache grazie ai video di Federico Sambruni e i suoi amici diventati virali in internet.  Con il video “Le Maldive a Milano”  la risonanza mediatica è stata enorme richiamando il valle Verzasca miglia di persone. Non sono esattamente le Maldive, ma con un po’ di fantasia…
    &nbsp
    bagni in lombardia

    Infine una doverosa raccomandazione: quando ci si tuffa nei fiumi o nei laghi, chissà perché, si tende ad essere meno attenti rispetto ai bagni in mare. Purtroppo non è così e la presenza della corrente, in alcuni punti anche molto forte, e di buche subacquee possono rendere queste nuotate molto insidiose. Per cui state sempre attenti a dove vi tuffate e … buon bagno!

    Più informazioni su