CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

SCANDALO SANITA’ – Rizzi parla con il giudice in carcere:”Politicamente finito”

fabio-rizzi-lega-770x491Lo scandalo sanità in Lombardia e con ripercussioni anche nel comasco dove ha la sua abitazione – a Faloppio – il principale imputato di questa vicenda, il consigliere regionale della Lega (sospeso) Fabio Rizzi. Ieri è stato ascoltato dal gip del Tribunale di Monza, Rosaria Pastore, nel carcere brianzolo dove è rinchiuso. Il suo avvocato, Monica Alberti, al termine delle oltre due ore di interrogatorio di garanzia, lo descrive come «consapevole di essere finito politicamente». «Ha chiarito la sua posizione facendo una lunga dichiarazione e poi rispondendo ad alcune domande del giudice — spiega il legale —. È razionale, stanco e mi ha chiesto della compagna e dei congiunti». La compagna di Rizzi, finita ai domiciliari, sarà interrogata nei prossimi giorni. Al momento resta nella casa di Faloppio.

paola canegratiAnche Mario Longo, «socio» di Rizzi, e Maria Paola Canegrati, l’imprenditrice al centro dell’inchiesta, sono stati ascoltati. Interrogata per rogatoria nel carcere di San Vittore a Milano davanti al gip Luigi Gargiulo ha reso una dichiarazione spontanea e, tramite il suo legale, l’avvocato Leonardo Salvemini, ha chiesto gli arresti domiciliari. Pronta anche una corposa memoria con dati e atti allegati «con cui cercheremo di chiarire — confida il suo legale — affinché l’innocenza della mia assistita venga accertata dalla magistratura. Il quadro è molto complesso. Da parte nostra c’è la massima collaborazione».

presidente maroniE che il suo ormai ex braccio destro sia in un mare di guai lo conferma anche il Governatore Maroni:”I magistrati, spesso politizzati – questa volta hanno fatto un lavoro egregio. Ci sono prove schiaccianti contro Rizzi. O lui riesce a dimostrare l’estraneità dai fatti o è fuori dal partito”. Circostanza già decisa da Matteo Salvini, il leader leghista, che lo ha sospeso da ogni incarico dopo il suo arresto.