Quantcast
Mostra \"oltretempo\" - Laura Villani @ Manifiesto Blanco

Mostra “oltretempo” – Laura Villani @ Manifiesto Blanco

10/11 » 18/12/21

EVENTO GRATUITO
: - Inizio ore 16:00 - Fine ore 19.00

OLTRETEMPO – Laura Villani

in mostra dal 10 Novembre al 18 Dicembre 2021 da martedì a sabato h. 16 -19

OPENING: 10-11-12 novembre, h. 17.00 – 20.00, sarà possibile visitare la mostra in compagnia dell’artista e della curatrice Chiara Gatti

Ingresso libero con obbligo di Green Pass e prenotazione attraverso il sito www.manifiestoblanco.com

Dopo la presenza alla prestigiosa mostra di pittura contemporanea, curata da Marco Goldin, Attorno a Van Gogh. Otto pittori e i colori della vita – allestita nelle sale adiacenti alla grande monografica dedicata a Vincent Van Gogh, al Centro Altinate San Gaetano di Padova – Laura Villani presenta in occasione della propria personale a Manifiesto Blanco una nuova serie di opere, risultato della sua ricerca pittorica degli ultimi tre anni. Lo spettatore viene dunque invitato «a visitare uno spazio disteso, dilatato, svuotato dal tempo che ci appartiene; luoghi sospesi abitati da un tempo infinito, che dalla soglia del nostro presente ci riconnettono al candore arcaico dei primordi del mondo e, dalle profondità del passato, ci riflettono possibili scenari futuri. Un universo quasi eliotiano, dove tempo e spazio si rincorrono in un continuum circolare».
La curatrice Chiara Gatti approfondisce ulteriormente il concetto, ricordando l’affermazione di Jung secondo cui “l’uomo produce simboli inconsciamente e spontaneamente sotto forma di sogni”. Davanti alle opere di Laura Villani, punteggiate di oggetti sospesi in un’atmosfera onirica, viene naturale chiamare in causa la “psicologia del profondo” studiata e teorizzata dal grande medico svizzero. I giorni del lockdown hanno acutizzato il senso di attesa e il clima surreale che ha piegato la ricerca artistica contemporanea verso i territori della mente, sfociando in immagini cristallizzate nella polvere. Laura Villani, tuttavia, già abitava questa dimensione rarefatta da lungo tempo; rileggendo tutta la letteratura del sogno, da Redon a Magritte, passando per de Chirico e con riferimenti celati anche alle melancolie di Dürer, ha navigato in uno spazio sottratto al tempo stesso, ha attraversato deserti silenziosi, metafora di un’intimità pacificata dove però si annidano pezzi di ricordi sotto forma di archetipi. E simboli, appunto.
Ecco allora la casa e la barca, il dirupo e la laguna. Scorci antidiluviani e vestigia di civiltà perdute fanno da sfondo a elementi sottratti al quotidiano, presenze insieme iconiche e feriali. Un lampione, una poltrona, un letto. Citazioni minime da Van Gogh e della sua stanza di Arles. Su tutto domina una luna piena e pallida ritagliata in una notte nera. Qui lo studio della composizione, che distilla tracce di vissuto affiorate dalla coscienza come indizi di una narrazione interrotta, trova nella luce una variabile. E una possibilità. Che allunga le ombre sulla sabbia. Che stempera l’inquietudine nel conforto della reminiscenza.

Laura Villani nasce a Pavia dove vive e lavora.
Dopo aver compiuto gli studi al Liceo Artistico della sua città, si diploma al Conservatorio di Musica Giuseppe Verdi di Milano. Si dedica all’attività concertistica suonando in gruppi di musica da camera, fino a quando la sua espressione artistica d’elezione diventa l’incisione originale. Prosegue così i suoi studi seguendo i Corsi Internazionali di Calcografia all’Accademia di Urbino e i Corsi di Tecniche Incisorie Tradizionali e Sperimentali alla Scuola Internazionale di Grafica a Venezia. Inizia a esporre nel 1993 al Museo della Permanente di Milano, in seguito è selezionata e invitata ai principali Premi, Biennali e Triennali nazionali e internazionali di arte grafica. Del 1999 la sua prima personale “Il sortilegio del volto” alla Galleria Il Quadrato di Chieri – Torino. Negli anni successivi espone a Milano in altre due mostre personali: “Il segno svelato” alla Galleria San Michele; “L’età maggiore” nella sede di Archivi del ‘900 di Luigi Olivetti. Negli ultimi anni il suo interesse si rivolge unicamente alla pittura e al disegno.
Nel 2021 è invitata dal curatore Marco Goldin ad esporre alla mostra di pittura contemporanea “Attorno a Van Gogh. Otto pittori e i colori della vita”, allestita accanto all’ampia esposizione monografica dedicata a Vincent Van Gogh al Centro Altinate San Gaetano di Padova.

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!