La brutta storia

Cirimido, stalking e lesioni alla compagna: la Polizia ferma il marocchino violento

Operazione lampo della Squadra Mobile della Questura: misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, altrimenti finisce in carcere.

auto polizia notte generica

Ti ammazzo se non stai con me”: misura cautelare nei confronti di un marocchino di Cirimido resosi responsabile di stalking e lesioni nei confronti di una ragazza. Ieri pomeriggio, infatti, i poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Como hanno dato attuazione alla misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa nei confronti di E.S., marocchino, classe 1987, ritenuto responsabile di stalking, lesioni e danneggiamenti nei confronti di una ragazza, spagnola di origine marocchina, di qualche anno più giovane di lui con cui aveva intrattenuto una relazione durata solo tre mesi.

 

La giovane, fin dai primi giorni, notava un atteggiamento aggressivo e dominante nei suoi confronti da parte del compagno che non mancava di insultarla e minacciarla, intimandole anche di cambiare modo di vestirsi e mettere il velo, dichiarandosi intenzionato a sposarla subito. Un crescendo di violenza verbale e, poi, anche fisica che culminava in ripetute aggressioni con diverse contusioni riportate dalla ragazza sul corpo e sul volto. Ad accorgersi della situazione insostenibile era il datore di lavoro della ragazza che chiamava il pronto intervento della Questura di Como.

 

La ragazza, di fronte al personale della volante, crollava in un pianto disperato. Era terrorizzata non solo per le botte ma anche per la possibilità che l’uomo, della stessa origine, ottenesse il consenso al matrimonio dalla famiglia di lei. Immediatamente gli uomini della Squadra Mobile producevano i necessari approfondimenti sulla vicenda e subito dopo la Procura della Repubblica di Como, che coordina le indagini, richiedeva al G.I.P. l’emissione di una misura cautelare, tempestivamente adottata ed eseguita ieri stesso dal personale della Squadra Mobile.

 

L’uomo, residente a Cirimido come detto, messo di fronte alla contestazione degli addebiti, negava ogni responsabilità. La misura cautelare del divieto di avvicinamento è stata notificata nell’ambito delle indagini preliminari. Con ulteriori sviluppi che possono emergere nei prossimi giorni.

 

APPROFONDIMENTO QUI

leggi anche
spacciatore preso da carabinieri stazione mariano
Le botte
Mariano, aggredisce i carabinieri nel suo appartamento: arresto per violenza e resistenza
leggi anche
Liceo Volta orizzontale
Lo choc
Violenza in centro Como: senzatetto picchiato, la Polizia arresta l’aggressore
auto polizia notte generica
Il blitz
Como, 20 anni di carcere per violenza sessuale: la polizia lo scopre in un albergo del centro
festa della polizia di como teatro sociale agenti auto schierate
La celebrazione
Festa al Sociale per i 170 anni della Polizia:”Noi sempre al fianco dei cittadini”
commenta