Nella polemica sui voti che mancano a Giordano Molteni (candidato centrodestra per Como) per arrivare al ballottaggio per la carica di sindaco, ecco che entra anche con una buone dose di ironia anche Vincenzo Graziani, candidato di “Verde è popolare”, inizialmente alleato con Molteni e poi uscito dalla coalizione. Nella dirette post-voto di stamane (in studio da noi), Graziani ha precisato le cause e le modalità dello “strappo” consumato con il resto della coalizione che ha poi supportato Molteni nella sua campagna elettorale. Ed ha ribadito che la scelta fatta è stata consapevole. “La rifarei – ha detto – anche perchè il nostro scopo era quello di farci vedere. Ci siamo riusciti e ringrazio i comaschi che ci hanno votato”.

 

Oltre 200 i suoi voti, quegli stessi che, all’atto pratico, avrebbero portato Molteni al ballottaggio al posto di Rapinese. E che invece sono mancati alla coalizione della destra. Da Graziani anche una precisazione:”Daremo una indicazione di massima ai nostri lettori su chi votare al ballottaggio, ma solo nei prossimi giorni. Garantito….”

leggi anche
vincenzo graziani como cadidato verde è popolare
Como
Agenda elettorale: Graziani punta su turismo, cultura e vivibilità
Vincenzo Graziani candidato Verde è Popolare Amministrative 2022
Verso il voto
Agenda elettorale, lo strappo è servito: Verde è Popolare candida Vincenzo Graziani
fascia tricolore per nuovo sindaco elezioni amministrative
Dato definitivo
Liste e preferenze dei candidati: Rapinese al 26%, Pd al 20, Lega in calo come Civitas
presentazione candidati lega per elezioni di como gazebo porta torre
Post voto
Le bordate della Lega di Como dopo la sconfitta alle urne:”Fratelli d’Italia non all’altezza”
commenta