Quantcast
L'evento

Tre giorni di Agrinatura ad Erba: un intero fine settimana dedicato alla natura ed all’ambiente

Una serie importanti di iniziative legate alla sostenibilità: il dettaglio e la presentazione ufficiale. Si parte sabato mattina con il Sottosegretario Centinaio.

Agrinatura, il tradizionale e consolidato appuntamento di Lariofiere per le famiglie e gli operatori dedicato all’agricoltura, alla natura e all’ambiente, ritorna nella sua edizione primaverile. Da sempre la rassegna favorisce la valorizzazione della filiera agricola, forestale, zootecnica, florovivaistica, la promozione del turismo rurale e del patrimonio naturalistico e ambientale. Con l’iniziativa si vogliono affermare alcuni concetti cardine legati al tema agricolo, tra cui la difesa della biodiversità e la costruzione di reti territoriali che uniscono gli operatori agricoli.

 

L’iniziativa mira a valorizzare il territorio e le sue eccellenze naturalistiche ed enogastronomiche, focalizzando l’attenzione su tematiche alimentari e ambientali legate ad uno sviluppo sostenibile. Come spiega il Presidente di Lariofiere – Fabio Dadati – “Agrinatura è espressione della valorizzazione della sfera rurale territoriale, vista come motore aggregante delle comunità che si ritrovano intorno ai temi dello sviluppo sostenibile, di un turismo green, della salvaguardia della natura e delle tradizioni, ma sempre con una grande attenzione ad intercettare le novità e le tendenze. Una Mostra che cresce, come i territori che sa fondere – afferma il Presidente Dadati – vogliamo far emergere le potenzialità di business legate alla promozione territoriale ed al turismo, con una particolare attenzione al tema della sostenibilità da cui non possiamo più prescindere se vogliamo creare territori armonici, in cui le esigenze economiche devono trovare un necessario equilibrio con le necessità delle comunità e dell’ambiente circostante. La Mostra – conclude il Presidente – si propone, inoltre, di sottolineare e far emergere, soprattutto nella situazione contingente, in cui è necessario creare nuove sinergie tra i settori economici, la stretta relazione tra agricoltura e turismo, con gli operatori turistici che diventano divulgatori e promotori delle produzioni agricole territoriali, del valore del Km zero, inserendo nei propri menù e nelle varie proposte culinarie i prodotti tipici locali per assurgere così al ruolo di ambasciatori di un’agricoltura di prossimità”

 

Riguardo all’esposizione fieristica il pubblico potrà apprezzare la presenza di 154 operatori con diversificate proposte di alta qualità:

  • Tantissime varietà di prodotti di eccellenza della nostra tradizione agroalimentare;
  • Cosmesi naturale;
  • Legna e cippato;
  • Piante e fiori di primavera;
  • Creazioni floreali;
  • Cactus e succulente da collezione;
  • Piante ornamentali;
  • Piccoli frutti, frutti della salute
  • Attrezzature per l’agricoltura ed il giardinaggio;
  • Arredi da esterni;
  • Artigianato artistico e l’arte del riciclo e riuso
  • Animali della fattoria: conigli, galline, polli, manzi, vitelli, cavalli, pony, maialini, asini, capre, pecore;
  • Percorsi nel verde;
  • Valorizzazione del patrimonio naturalistico

La filiera agroalimentare rappresenta il fulcro dell’intera manifestazione, il cui scopo rimane quello di mettere a disposizione una piattaforma di promozione utile allo scambio di informazioni e di contatti tra i diversi attori del comparto: le aziende agricole, quelle di trasformazione, i produttori, gli artigiani creano connessioni verticali per sviluppare il percorso che dalla materia prima conduce al prodotto finito.

La valorizzazione della dimensione silvicolturale e florovivaistica trova spazio in un’area completamente dedicata alla flora, dove Parchi, Riserve Naturali, GAL e Associazioni a carattere ambientale mettono in scena l’atmosfera del bosco primaverile, tra effluvi di fiori e profumi fruttati.

Per esaltare poi le risorse che i nostri boschi mettono a disposizione, attenzione particolare è riservata alla filiera del bosco-legno: con le imprese forestali il nobile materiale si rivela in tutta la sua versatilità.

Le aziende agricole, sono protagoniste anche dell’universo faunistico di Agrinatura: gli animali da cortile e da stalla offrono uno spaccato del mondo rurale legato all’immagine della fattoria che viene spiegata dagli allevatori con l’ausilio di didascalie e attività laboratoriali

Il programma degli eventi di questa 21^ edizione è di assoluto rilievo, a partire dal Convegno inaugurale il 23 aprile alle 10,30 Made in Italy vs Nutri-score – Il modello dei prodotti legati ai territori contro l’omologazione che piace alle multinazionali, in cui Gian Marco Centinaio, Sottosegretario di Stato per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali illustrerà la posizione del Governo italiano, nel dibattito europeo, a favore del sistema di etichettatura Nutrinform Battery e contrario al sistema Nutri-score, che svantaggia le eccellenze agroalimentari Made in Italy a favore delle produzioni in massa tipiche delle società multinazionali

Sempre il 23 aprile alle ore 10,30 Agrinatura ospiterà un progetto di caratura internazionale riguardante la pratica della Transumanza: l’Assemblea del partenariato transnazionale del Progetto di cooperazione transnazionale “Pastori, Parchi, Transumanze e Grandi Vie delle Civilltà – PARCOVIE 2030”:

 

International Meeting of Focal Points Transhumance Inmaterial Cultural Heritage UNESCO: si tratta di un tavolo tecnico per avviare le procedure di cooperazione dopo il riconoscimento della Transumanza quale Patrimonio Immateriale dell’Umanità (Bogotà 11 dicembre 2019 assemblea mondiale UNESCO).

Il Riconoscimento è stato ottenuto grazie al partenariato tra Italia, Austria e Grecia, dopo un lavoro di dieci anni, la cui Regia è stata affidata all’Italia e alle aziende zootecniche del sud dove esiste ancora la Transumanza sui Tratturi, e del Nord nelle zone delle transumanze alpine dei Bergamini e delle Valli della Val Camonica, Val Brembana e Val Seriana.

Un primo ampliamento della candidatura risale allo scorso mese di marzo 2022 con l’ingresso di Albania, Andorra, Croazia, Francia, Lussemburgo, Romania, Spagna.

Un secondo ampliamento sarà deciso ad Agrinatura con l’ingresso di altri Paesi non Europei.

Un’altra decisione che verrà presa dall’Assemblea durante Agrinatura sarà la valorizzazione delle Vie della Transumanza e del Pastoralismo in generale, con il passaggio da una candidatura immateriale ad una candidatura materiale.

Per i tre giorni di Agrinatura sarà presente uno stand che rappresenta i Paesi europei aderenti al progetto con i relativi Gruppi che praticano la Transumanza.

Tra i vari eventi, da ricordate quello di lunedì 25 aprile alle 10,30 Le api e la facelia: evento in memoria di Massimo Spreafico, amico di agrinatura. Da anni le api sono un argomento d’attualità per la loro importanza ambientale nel permettere, tramite l’impollinazione, la sopravvivenza di una gran parte dei vegetali, ma purtroppo anche per le difficoltà che da almeno un ventennio trovano per sopravvivere.

Nell’ambito dell’incontro si tratteranno alcuni degli argomenti di maggiore interesse per l’apicoltura: le maggiori cause che hanno portato il nostro insetto al rischio di estinzione, ovvero quelle ambientali, altre patologiche e quelle legate alle modalità di gestione degli alveari. Non ci si limiterà alla elencazione delle situazioni infauste, ma si affronterà anche un argomento di estrema attualità: l’impatto di nuove specie botaniche nei confronti delle api e degli apiodei in genere. Agrinatura: tre giorni densi di attività, seminari ed incontri, dove le realtà agroalimentare, silvicolturale, zootecnica e florovivaistica continuano ad evolversi in un confronto dinamico e attuale. Un appuntamento che ogni anno sa rinnovarsi e proporsi come punto di riferimento per le famiglie e per gli operatori del settore agricolo.

 

21^ MOSTRA AGRINATURA

Dove:              Lariofiere – Erba (CO)

Quando:         dal 23 al 25 aprile

Web:               agrinatura.org

Instagram       agri_natura

Facebook        Agrinatura

Ingresso          gratuito per bambini e ragazzi fino a 17 anni; dai 18 anni ingresso €5

Parcheggio      gratuito

leggi anche
carlo cracco oggi a etrba masterclass per studenti e poi davide rampelli carta della ristorazione
Il salone
Lariofiere, Cracco superstar: autografi e lezione di cucina, poi la carta dei valori della ristorazione
lariofiere erba chiusura hub vaccinale foto di gruppo struttura e personale
Stop attività
Verso la fine dell’emergenza Covid, chiuso l’Hub di Lariofiere: oltre 400.000 vaccinazioni
incontro lariofiere su pnnr camera commercio e presidente fermi
Erbese
Piano nazionale di ripresa, grandi opportunità per il territorio: summit a Lariofiere di Erba
commenta