Il progetto

Lurate Caccivio, il sogno di Lorenzo:”Portare la mia PoPandemicArt al presidente Draghi….”

A tu per tu con il giovane autore della mostra realizzata con i cappucci delle siringhe dei vaccini anti-Covid. Avviati i contatti per portare da super-Mario questo allestimento, ora in biblioteca.

E’ la prima mostra in Italia realizzata con simili materiali. Prima volta che l’arte ha incontrato l’emergenza pandemica. E così i cappucci delle siringhe dei vaccini anti-Covid somministrati dell’hub di Lurate Caccivio – gestito da oltre un anno da Medici Insubria – non sono finiti nel cestino della raccolta differenziata. Ma hanno preso nuova vita sotto le sapienti mani di Lorenzo Cantaluppi, 22enne amministrativo nell’hub stesso. Non solo mani, ma anche tanta fantasia. E da una sua intuizione ecco la mostra, denominata “PoPandemicArt”, che è stata presentata qualche settimana fa e che sino a fine mese è visitabile nella biblioteca di Lurate (ingresso gratuito tutti i giorni).

Ma il sogno di Lorenzo, al pari della curatrice di questa rassegna di Lurate, è anche un altro. LO ammette lui stesso:”Portare la mia arte in giro per l’Italia visto che è una mostra itinerante. E mi piacerebbe portarla anche a Palazzo Chigi da Mario Draghi visto che uno dei simboli che ho realizzato è dedicato a Super-Mario. In questo caso l’eroe di un video-gioco, molto utilizzato dai ragazzi, ma che va benissimo anche per Draghi e per quello che lui ha fatto durante i mesi della Pandemia“. Un sogno, certo, anche se i primi contatti per portare questa “PopandemicArt”

 

lorenzo cantaluppi e la sua mostra popandemicart alla biblioteca di lurate caccivio

 

APPROFONDIMENTI QUI SOTTO

leggi anche
un anno di vaccini a lurate e nasce la poppandemicart presentazione oggi a lurate
Il bilancio
Il capolavoro di Lurate Caccivio: hub da 250.000 vaccini ed ora anche la “Popandemicart”
leggi anche
hub lurate caccivio bilancio dopo un mese ingresso struttura preparazio ne vaccini
La novità
Un aiuto agli Over50 dell’olgiatese: terza dose entro febbraio nell’hub di Lurate Caccivio

 

commenta