Quantcast
Due anni di Covid, in Svizzera si riapre tutto da venerdì: stop a mascherine ed isolamento - CiaoComo
La novità

Due anni di Covid, in Svizzera si riapre tutto da venerdì: stop a mascherine ed isolamento

Le decisioni del Consiglio Federale di oggi:"IL virus non sparirà, ma poco probabile ad oggi pensare a rischi per la salute pubblica"

Dopo oltre due anni di pandemia è giunto il momento di uscire dal tunnel . Da venerdì 1 aprile saranno revocati gli ultimi provvedimenti dell’ordinanza Covid-19 relativi alla situazione particolare in tutta la Svizzera: l’obbligo di isolamento per le persone contagiate e l’obbligo della mascherina sui trasporti pubblici e nelle strutture sanitarie. Così ha deciso questa mattina il Consiglio federale. Lo rende noto il sito Tio-Ch. Si torna quindi alla situazione normale e la responsabilità di adottare provvedimenti per proteggere la salute pubblica sarà di nuovo in primo luogo dei Cantoni. «Fino alla primavera del 2023 è tuttavia opportuno mantenere alti il livello di vigilanza e la capacità di reazione», sottolinea il Governo, che ha anche precisato la ripartizione dei compiti per questa fase di transizione in un documento di base che ha posto in consultazione fino al 22 aprile.

 

Grazie all’elevato tasso di vaccinazione della popolazione, nelle ultime settimane non si è registrato un significativo aumento dei pazienti Covid-19 ricoverati nei reparti di terapia intensiva, nonostante un nuovo temporaneo aumento dei contagi. È quindi poco probabile, secondo il Consiglio federale, che nei prossimi mesi la salute pubblica corra gravi rischi. «Non è tuttavia possibile prevedere con certezza come evolverà la pandemia», ha aggiunto Alain Berset nel corso della conferenza stampa indetta per presentare le novità. «Con ogni probabilità, il virus SARS-CoV-2 non sparirà, ma tenderà ad endemizzarsi. Bisogna dunque attendersi nuove ondate stagionali anche in futuro».

Un’altra novità annunciata nel corso della conferenza stampa di oggi la cessazione della pubblicazione giornaliera delle cifre relative alle infezioni, ai ricoveri e ai decessi legati al virus (il bollettino diramato dall’UFSP). Si procederà con un aggiornamento settimanale. «Oltre a non essere più necessario visto che la situazione non è più critica, permetterà di ridurre il carico di lavoro dei collaboratori dell’UFSP che per due anni hanno lavorato giorno e notte e sette giorni su sette», ha spiegato Berset.

 

 

APPROFONDIMENTI SULL’ARGOMENTO

leggi anche
regione lombardia nuova ordinanza per mascherine emergenza coronavirus
Incubo finito
Finisce lo stato di emergenza per il Covid: le tappe per il ritorno alla normalità anche da noi
leggi anche
studenti collegio gallio già in aula ripresa scuola banchi
Il ritorno
Le scuole di Como pronte a ripartire: pullman, mascherine e green pass per tornare in aula
leggi anche
dogana di ponte chiasso auto frontalieri al lavoro verso la svizzera
Como
Anche in Svizzera da oggi provvedimenti più severi per fermare il Covid: ecco quali
leggi anche
bus si viaggia con le mascherine, ma tutti seduti
La novità
Mascherine al chiuso, cosa cambia dal primo maggio e dove resterà obbligatoria
studenti classe ripartenza anno scolastico post covid con mascherine
La situazione
Mascherine al chiuso, proroga fino al 15 giugno per cinema, trasporti, ospedali ed Rsa
commenta