La protesta

Prezzi, stop alle speculazioni: giovedì allevatori e agricoltori lariani in piazza

Giovedì 17 febbraio, dalle ore 9, gli agricoltori e gli allevatori di Como e Lecco si ritroveranno in via Volta, con trattori e animali

Protesta allevatori e agricoltori Como

Se i prezzi per le famiglie corrono, i compensi riconosciuti agli agricoltori e agli allevatori non riescono neanche a coprire i costi di produzione, con il balzo dei beni energetici che si trasferisce a valanga sui bilanci delle imprese agricole costrette a vendere sottocosto. Una situazione insostenibile, quella denunciata da un comunicato della Coldiretti, che mette a rischio le forniture alimentari del Paese garantite da 740mila imprese agricole, che non hanno mai smesso di lavorare durante la pandemia ed ora sono strozzate dalle speculazioni.

Protesta allevatori e agricoltori Como

Per questo motivo, decine di migliaia di allevatori ed agricoltori della Coldiretti, con trattori e animali al seguito, giovedì 17 febbraio, dalle ore 9, lasceranno lasciano le campagne ed invaderanno le città, da nord a sud del Paese, a partire proprio dalla piazza Santi Apostoli di Roma, dove ci sarà anche il Presidente nazionale Ettore Prandini, per salvare l’agroalimentare Made in Italy e difendere l’economia, il lavoro ed il territorio.

Protesta allevatori e agricoltori Como

A Como, gli allevatori e gli agricoltori delle due province lariane, Como e Lecco, si ritroveranno in via Volta. Non mancheranno azioni eclatanti a sostegno delle proposte della Coldiretti per garantire il giusto prezzo con la lotta alle speculazioni, assicurare liquidità alle imprese e sbloccare gli interventi per il settore fermati dalla burocrazia ma anche i progetti concreti per cogliere le opportunità che vengono dall’agricoltura con le fonti energetiche rinnovabili, dal biogas al fotovoltaico sui tetti di aziende e stalle.

commenta