Quantcast
Calcio serie b

Como vicinissimo alla vittoria ad Ascoli: proteste per il gol annullato a Bellemo nel finale

Marchigiani scatenati nel primo tempo, Facchin baluardo. Ripresa con i padroni di casa in dieci: finale tesissimo, espulso anche Sottil

logo partita ascoli como

Un finale incandescente, una partita incredibile, Ascoli che domina la prima parte e Como che recrimina per il gol annullato a Bellemo dopo il pari raggiunto grazie ad un bellissimo tiro al volo di sinistro di Arrigoni. La svolta della gara arriva al 61′ quando Saric viene espulso lasciando i suoi in dieci, il Como cambia marcia e va alla ricerca del gol e della vittoria. Dopo tanta sofferenza e tanto Ascoli e con un grande Facchin a salvare più volte la propria porta ecco i ragazzi di mister Gattuso ribaltare il trend di una gara che pareva a senso unico. Il Como ci crede fino alla fine e il finale è tesissimo con numerose proteste da parte dei marchigiani che portano anche all’espulsione di mister Sottil.

92′ un finale incredibile…un espulso dalla panchina dell’Ascoli….anche Sottil il mister

90′ ancora 4′ da giocare e scintille in campo tra Bellusci e Cerri

44′ dentro Kabashi per Arrigoni

43′ gol annullato a Bellemo per fuorigioco di Blanco sul partire dell’azione……cross di Iovine…Var…..

41′ va sul fondo Ricci e mette in mezzo, Solini tocca in angolo

40′ dentro Baschirotto per Salvi

36′ Gliozzi in fuorigioco su assist di Ioannou

36′ nel Como entrano Blanco e Iovine per Vignali e Parigini……….DAI COMO…VINCEREEEEEE

33′ cambi: Falasco e Ricci per Bidaoui e D’Orazio

32′ ammonito per proteste Bidaoui

30′ Como tutto in avanti alla ricerca del gol e Ascoli raccolto nella propria metacampo……….VINCEREEEEEEEE

27′ OCCASIONE COMO: cross di Vignali che dal fondo la mette per Cerri, colpo di testa che sembra destinato al gol ma Leali fa il miracolo e salva deviando in angolo

24′ calcio di punizione di Ciciretti…sulla barriera

23′ calcio di punizione per i ragazzi dal limite dell’area………….DAI COMOOOOOOOOOOOO

22′ OCCASIONE COMO: traversone di Ciciretti e per poco non la mettiamo…………..VINCEREEEEE

21′ Como che sa che può vincerla questa gara……dopo la sofferenza ora possiamo farcela

20′ GGGGGGOOOOOOLLLLLLLL ARRIGONI MISSILE DALLA DISTANZA…..un bolide al volo col sinistro che trafigge Leali

20′ la partita ha cambiato volto dopo l’espulsione di Saric,

19′ subito in evidenza Ciciretti con una pennellata dalla destra per Cerri che colpisce di testa ma non va

17′ dentro Ciciretti e Gliozzi per Gabrielloni e Gatto…….DAI COMOOOOOOOOOOO

16′ ESPULSO SARIC per entra fallosa su Gabrielloni…rosso diretto e Ascoli in dieci uomini da qui alla fine

15′ ammonito Arrigoni, salterà la prossima partita

13′ Bellemo al tiro dal limite ma non sorprende Leali

10′ ancora Bidaoui in slalom e al tiro, respinge Scaglia, sempre pericolosi in avanti i padroni di casa e lariani che non riescono a trovare spunti

8′ bel traversone di Parigini ma non ci arriva di testa Cerri

5′ Bidaoui ancora pericoloso con uno slalom in area lariana, si allunga la palla e Facchin recupera la sfera

2′ OCCASIONE ASCOLI: perde palla in difesa Gatto e Salvi ne approfitta, assist a Maistro che calcia verso Facchin, ennesima paratona del protiere a salvare la propria porta

1′ Bidaoui pericoloso con un bolide dal limite respinge ancora una volta Facchin

Nell’Ascoli entra Saric per Buchel

SECONDO TEMPO


Si va al riposo con l’Ascoli meritatamente i vantaggio grazie alla rete al 16′ di Tsadjout. I bianconeri hanno sempre tenuto sotto pressione la difesa lariana che non è apparsa al meglio, Facchin ancora una volta strepitoso in un paio di interventi. Poco ha fatto il Como anche se è riuscito a rendersi pericoloso in un paio di occasioni ma non basta. Il ritmo e la determinazione dei marchigiani ha fatto la differenza in questi primi ’45 dove si contano ben 9 tiri in porta da parte dei padroni di casa e uno solo per gli azzurri.

45′ ammonito Parigini

43′ ammonito Buchel per intervento in ritardo su Gatto

42′ Caligara al tiro, deviato in angolo

40′ ancora Tsadjout al tiro dopo aver rubato palla a Ioannou….alta ma i bianconeri arrivano troppo facilmente al tiro

37′ bella manovra offensiva del Como che cerca con una triangolazione tra Cerri e Gatto di arrivare al tiro ma la difesa di casa chiude

34′ contatto tra Gatto e Buchel in area ma l’arbitro lascia proseguire, sulla ripartenza arriva al tiro Bidaoui e Facchin riesce a deviare in angolo

28′ OCCASIONE COMO: colpo di testa di Vignali dal limite dell’area piccola sull’angolo di Arrigoni sulla ribattuta Buchel perde palla in area e Cerri prova a sorprendere Leali con un tiro a giro ma il portiere fa il miracolo e salva

27′ Vignali vola via in fascia e mette in area, ci va in scivolata e rischia l’autogol Buchel…palla in angolo

24′ PERICOLO: ancora Tsadjout al tiro in contropiede, la palla finisce sul fondo

23′ D’Orazio al tiro…..para Facchin…..l’Ascoli continua ad arrivare facilmente al tiro

20′ Como in difficoltà e Ascoli padrone del campo in questa prima parte di gara, l’incertezza della difesa lariana in occasione del gol ha permesso all’attaccante bianconero di arrivare al gol

16′ GOL ASCOLI Tsadjout approfitta di una palla proveniente dalla sinistra e, tra Scaglia e Solini, riesce a toccare a poca distanza dalla linea di porta e porta in vantaggio i padroni di casa

15′ Collocolo ammonito

14′ Bidaoui si libera e dal limite fa partire un missile sul quale risponde con una respinta Facchin

12′ Como raccolto nella propria metacampo e Ascoli che manovra per cercare spazi offensivi

8′ perde palla Gatto sulla trequarti e permette a Maistro di andare al tiro, teso e angolato ma Facchin riesce a deviare, sulla ribattuta ancora il portierone azzurro a mettere in angolo……Ascoli pericoloso

7′ ancora Maistro al tiro….altissimo

6′ tentativo di Maistro dal limite, murato da Arrigoni

3′ lancio in profondità di Gabrielloni per Cerri chiude la difesa bianconera in fallo laterale

1′ azzurri subito aggressivi ma non riusciamo ad andare al tiro

La formazione: Facchin, Vignali, Scaglia, Solini, Ioannou, Parigini, Bellemo, Arrigoni, Gatto, Cerri, Gabrielloni

commenta