Quantcast
Storia di un sogno interrotto

Colisseum, danzatori in piazza per la Giornata della Memoria

GIovedì 27 gennaio, alle 17.30, in piazza Verdi, Colisseum Danza darà vita ad un'installazione artistica per non dimenticare la tragedia dell'Olocausto

Dopo lo straordinario successo dell’evocativo quadro in danza “Le Rondini”, portato in scena in piazza Cavour a Como lo scorso maggio, giovedì 27 gennaio, alle 17.30, la Cooperativa Sociale Colisseum Dimensione Movimento celebrerà la Giornata della Memoria con Storia di un sogno interrotto, una nuova installazione artistica tra la gente, firmata dal coreografo e regista Tony Lofaro, che sarà messa in scena in piazza Verdi, di fronte al Teatro Sociale.

Quaranta ballerini, con la partecipazione straordinaria dell’attrice Ilaria Deangelis e dei solisti Jacopo Ballabio, Alessia De Fazio, Caterina Maria Del Sole, si esibiranno in una coreografia ideata dal direttore artistico di Colisseum Danza, Tony Lofaro, mentre un innovativo ed imponente video mapping 3D firmato dall’artista Mattia Inverni farà da scenografia con le sue immagini sull’abside della Cattedrale di Como (per gentile concessione della Diocesi), immergendo il pubblico presente in un momento di riflessione, ricordo, sogno, emozione, tutto ciò che ha significato e ancora oggi significa quel pezzo di storia tragica che è l’Olocausto.

Colisseum storia di un sogno interrotto per la Giornata della Memoria

«Dopo due anni di emergenza sanitaria avremmo voluto tornare a teatro con lo spettacolo di danza e prosa “Anna, diario figlio della Shoah – La tempesta devastante” ma la recrudescenza del virus ci ha fatto desistere e decidere di posticipare la messa in scena teatrale – ha spiegato durante la conferenza stampa di ieri il vicepresidente Colisseum Franco Campanella Non potevamo però esimerci dal celebrare la Giornata della Memoria con un evento unico nel suo genere per la città di Como; abbiamo quindi deciso di tornare in piazza con la danza ed i nostri ragazzi con l’obiettivo di condividere con la città un momento di riflessione e celebrazione».

«L’installazione artistica si muoverà delicatamente nella suggestione – ha aggiunto Tony Lofaro – un viaggio trasognato di uomini, donne, bambini di ritorno a casa nel giorno simbolico della liberazione del campo di sterminio nazista di Auschwitz. Chiunque vorrà potrà assistere liberamente ed essere con noi in piazza in una giornata così importante per me, per tutti noi, ricordando Anna Frank e tutte le innocenti vittime di quell’incubo senza precedenti».

«Facendo seguito al docufilm di Tony Lofaro proiettato al collegio Gallio – ha aggiunto l’assessore alle Politiche educative Alessandra Bonduri – il percorso di memoria prosegue attraverso la forma artistica del flash mob per commemorare la Shoah e in particolare la figura di Anna Frank, che è stata simbolo di una generazione da ricordare non passivamente ma come emblema di libertà e contro ogni discriminazione. Per questo motivo, abbiamo invitato tutte le scuole medie e superiori della provincia a partecipare, in presenza o da remoto, a questo evento. Quella di giovedì, dunque, sarà un’occasione unica e preziosa, che toccherà diversi temi fondamentali: quello dell’arte come veicolo e strumento per non dimenticare, quello della Memoria da preservare e rinnovare specialmente nei più giovani e quello, appunto, della libertà, che è diritto di tutti, senza distinzioni».

L’evento sarà trasmesso in diretta streaming sui canali FacebookYouTube di Colisseum e del Comune di Como.

Franco Campanella e Tony Lofaro raccontano lo spettacolo in diretta a Ciaocomo radio

commenta