Quantcast
Mariano, sensori a scuola per monitorare la qualità dell'aria - CiaoComo
Scuola sicura

Mariano, sensori a scuola per monitorare la qualità dell’aria

L'Istituto Comprensivo "Don Milani" di Mariano Comense ha adottato 26 sensori intelligenti Fybra per il miglioramento della qualità dell'aria

sensori fybra a scuola Mariano Comense

L’Istituto Comprensivo “Don Milani” di Mariano Comense ha adottato 26 sensori intelligenti per il miglioramento della qualità dell’aria: utilizzando fondi ministeriali, l’istituto ha installato in 26 classi i dispositivi Fybra, sistema brevettato nel 2020 dall’omonima startup di Milano che rileva tre parametri – anidride carbonica, temperatura e umidità – e nel tempo, attraverso algoritmi predittivi e dinamici, ne “impara” l’andamento e definisce di volta in volta le soglie ideali rispettando le quali, in uno specifico ambiente, si può prevenire il deterioramento della qualità dell’aria e mantenere temperature di comfort. Con una semplice luce led comunica alla classe quando bisogna aprire la finestra per aerare il locale e quando la si può chiudere perché l’aria è tornata di buona qualità. In questo modo consente di aprire le finestre solo quando è necessario, garantendo a studenti e insegnanti sicurezza, comfort termico ed efficienza energetica. Una soluzione importante, in questo periodo, per evitare la diffusione dei contagi dovuta alla variante Omicron del virus Sars-Cov-2.

sensori fybra a scuola Mariano Comense

I dispositivi sono stati installati il 23 dicembre scorso nelle due scuole secondarie di primo grado “Don Milani” e “C. Caldera” di Cabiate e nella primaria “Don Milani” della frazione di Perticato. Dal 10 gennaio i sensori hanno iniziato a registrare i dati utili al funzionamento dell’algoritmo. Da oggi, lunedì 17 gennaio, è attivo il sistema di segnalazione luminosa. Nel frattempo, i docenti sono stati coinvolti in un percorso di formazione.

sensori fybra a scuola Mariano Comense

«La scelta di investire in questi prodotti – ha dichiarato il dirigente scolastico dell’IC Don Milani, Giuseppe Proserpiodiscende dalla necessità di creare un ambiente più sicuro e un clima di benessere nelle classi. Non solo (anche se è fondamentale) nel periodo di epidemia, ma come soluzione stabile. La letteratura, infatti, ci dice che gli apprendimenti hanno a che fare anche con la qualità del benessere di chi apprende. Inoltre un aspetto non secondario del dispositivo Fybra è legato alla possibilità di utilizzare con gli studenti i dati registrati (attività di educazione ambientale, matematica, fisica, statistica). Un valore aggiunto che, come dirigente di una scuola, ritengo fondamentale. La scuola è impegnata ad ampliare le dotazioni per poter “coprire” tutte le classi mancanti».

commenta