Quantcast

lunedì, 24 gennaio 2022 - Aggiornato alle 20:33

Dimissioni a sorpresa per il parroco di Tavernerio

Più informazioni su

Don Giorgio ha sorpreso tutti i fedeli in procinto di partecipare alla Messa della domenica mattina nella chiesa dell’Eucarestia: “Vi annuncio le mie dimissioni da parroco”. Una decisione, quella di don Giorgio Cristiani, 67 anni, da 4 parroco di Tavernerio, Solzago e Ponzate, del tutto inaspettata, anche da chi segue più da vicino le attività parrocchiali. Le motivazioni le ha chiaramente esposte il sacerdote salendo all’altare poco prima dell’inizio della funzione delle 10,30 di oggi.

Carissimi amici e parrocchiani, oggi, in questa festa del Battesimo di Gesù, che al Giordano dà l’avvio alla sua missione pubblica in Israele, io sono ad annunciarvi, purtroppo, le mie dimissioni da parroco delle tre Parrocchie e dalla Comunità pastorale.
Voi giustamente mi chiederete: per quali motivi? La ragione è che ormai, alle soglie dei miei 68 anni, non mi sento più in grado di portare avanti in modo soddisfacente questa missione che mi è stata affidata quattro anni fa dal Vescovo Oscar.
Insomma, la vecchiaia ha già cominciato a farsi sentire, la memoria mi dà qualche problema e non vorrei causare pasticci e rallentamenti, ci vuole sicuramente un parroco più energico e più aggiornato. Tre parrocchie e un oratorio estremamente impegnativo sono stati per me una gioia, ma nel contempo anche una fatica che, in questi tempi resi ancor più difficili dall’epidemia, io non riesco più a reggere sia dal punto di vista fisico, che da quello spirituale e psicologico.
Pertanto, dopo essermi confrontato con il Vescovo e con il Vicario Generale, insieme abbiamo concordato la decisione di cui oggi vi rendo partecipi.
Sento l’esigenza assoluta di esprimere con il cuore il mio grazie a tutti voi, a don Carlo e a don Alberto per il sostegno e l’affetto che mi avete dimostrato e naturalmente chiedo scusa per i miei errori.
Dopo queste mie dimissioni da domani la responsabilità delle tre parrocchie passa in primis a don Alfonso Rossi, l’attuale parroco di Lipomo, naturalmente con la collaborazione di don Carlo e di don Alberto.
Per quanto mi riguarda sarò a Tavernerio ancora per qualche settimana come semplice parrocchiano, con l’intenzione di dare il saluto finale alle tre parrocchie durante le messe di domenica 23 gennaio a Solzago, del 30 a Tavernerio e del 6 febbraio a Ponzate. Una Avemaria per me. Grazie ancora e ciao a tutti”.

Più informazioni su