Quantcast

domenica, 16 gennaio 2022 - Aggiornato alle 09:42

Polizia e Finanza, blitz al pub di Camerlata e stop ai balli: locale chiuso per cinque giorni foto

L'attività di controllo verrà incrementata nei prossimi giorni per contrastare l'esercizio abusivo delle attività non autorizzate. Le immagini

“Let’s dance” cantava David Bowie in una sua famosa hit di tanti anni fa ed è quello che gli Agenti della Polizia di Stato e del Gruppo della Guardia di Finanza di Como hanno riscontrato in un pub di un complesso che comprende più locali alla fine di Via Pasquale Paoli a Como: locale (video allegato molto eloquente) trasformato in una discoteca senza alcuna precauzione da parte degli avventori.

controlli polizia e finanza pub di via paoli a camerlata gente che balla interno

 

Serata di controlli ieri da parte delle Forze dell’Ordine della Provincia di Como, in un momento in cui si stanno adottando nuove e più restrittive misure per contrastare la recrudescenza di contagi da Covid – 19. Personale della Divisione Amministrativa della Questura di Como, unitamente ai colleghi del Gruppo Guardia di Finanza di Como, ha proceduto ad un controllo del pub dove era stata segnalata l’attività di sala da ballo senza autorizzazione.

 

La licenza per l’esercizio di sala da ballo viene concessa dalla Commissione Provinciale di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo dopo minuziosi controlli sull’efficienza della struttura per la sicurezza dei clienti. La verifica delle segnalazioni pervenute è stata messa in atto già da tempo, infatti l’attività è stata preceduta da appostamenti effettuati in precedenza per verificare la non occasionalità dell’attività di ballo. Ieri sera il blitz conclusivo che ha portato alla chiusura del locale, per cinque giorni per gravi carenze riguardanti il rispetto della normativa vigente per il contrasto alla pandemia Covid -19. Nonostante il controllo sul green pass operato all’ingresso dai buttafuori, regolarmente autorizzati, non erano presenti le indicazioni di legge né i distributori di gel disinfettante, mentre il personale e gli avventori, circa un centinaio, erano per la maggior parte privi di mascherina, senza alcun rispetto circa il distanziamento previsto dalla normativa. Per questo motivo il locale è stato chiuso per cinque giorni su disposizione dell’Autorità di Pubblica Sicurezza. Sono in corso ulteriori analisi circa specifiche violazioni amministrative sulle normative riguardante i locali pubblici.

 

E’ doveroso evidenziare che una delle vie di fuga – precisano Finanza e Polizia – era ostruita da una transenna ancorata ad altre strutture con robuste corde di nylon, di conseguenza inutilizzabile, con grave pericolo per gli avventori in caso di evacuazione. La Guardia di Finanza, svolgendo le attività di verifica fiscale di specifica competenza, sta analizzando i riscontri di cassa, ha vagliato la regolarità dei lavoratori presenti e sta svolgendo ulteriori approfondimenti sulla posizione di tre dipendenti.

 

In considerazione della chiusura delle discoteche prevista dal 27 dicembre al 31 gennaio, saranno intensificati i controlli nei confronti dei locali presenti in provincia, al fine di contrastare l’esercizio abusivo dell’attività di sala da ballo, in un momento in cui la diffusione del virus si fa sempre più forte.