Quantcast

giovedì, 20 gennaio 2022 - Aggiornato alle 19:17

Tremezzina, Sala e Colonno: la prima mattina con le navette per pendolari e studenti foto

Nessun particolare disagio segnalato. Da perfezionare alcuni dettagli, ma la via del lago sembra funzionare bene: alternativa per il blocco stradale.

Tremezzina, Lenno, ma anche Sala Comacina e Colonno. E’ stata la prima mattina con la Regina chiusa per il cantiere di Colonno per i lavori della variante della Tremezzina. E, dalle prime informazioni, nessun particolare disagio se non la differenza – rispetto alle abitudini – di dover trovare una soluzione differente per arrivare a destinazione. Frontalieri, impiegati e studenti in particvolare. La prima prova non è stata particolarmente complicata. Navette e taxi-boat privati (pagati dai comuni) hanno funzionato perfettamente. Qualche dettaglio ancora da mettere a punto, ma il sistema sembra funzionare. Da “tarare” ancora i tempi di collegamento con i pullman ad Argegno, ma in linea di massima il sistema sembra funzionare. Il sindaco di Colonno Davide Gandola:”Non abbiamo riscontrato problemi particolari. Partiti regolarmente studenti e pendolari residenti da noi”.

 

Con le navette ed i taxi-boat, infatti, si evita via lago il blocco di Colonno sulla strada. Da ieri la Regina chiusa per i lavori della variante e lo sarà anche per i prossimi quattro mesi. Un problema non indifferente per i residenti. Anas ha assicurato alle autorità il pieno rispetto dei tempi previsti petr la prima fase del cantiere: da fine marzo 2022 la Regina tornerà percorribile alle auto verso centro ed alto lago.

nevetta che fa la spola tra sala comacina ed argegno per la chiusura della regina

Oggi, per raggiungere Menaggio, serve la navetta oppure l’aliscafo (via lago). Altrimenti, via strada, le alternative sono il passaggio dalla Valle d’Intelvi e da Porlezza oppure la statale 36 del lago sul versante lecchese del Lario.