Quantcast

San Teodoro, un weekend tra musica e memoria

Venerdì 26 novembre andrà in scena "Le Rotaie della Memoria", mentre sabato l'ensemble Beethoven.cam si esibirà in "concerti e sinfonie di viaggio"

Venerdì 26 novembre, alle ore 21, il Teatro San Teodoro di via Corbetta 7 a Cantù ospiterà nell’ambito della Stagione Teatro, lo spettacolo dal titolo “Le Rotaie della Memoria. Monologo sulla vita del militante politico Albino Calletti”, una produzione Eco di Fondo vincitrice del Premio A.N.P.I. cultura 2008 Ovest Ticino, di Giulia Viana e Giacomo Ferraù, regia di Giacomo Ferraù e assistenti alla regia Valentina Mandruzzato e Riccardo Buffonini, con Giulia Viana e le scene e le luci di Giuliano Almerighi.

Albino Calletti si racconta, racconta della sua giovinezza, della sua crescita e della sua maturità. La sua passione politica lo conduce, come un treno: il gruppo giovanile socialista di Castelletto sopra Ticino, il carcere, prima il San Vittore di Milano poi al Regina Coeli, poi al Forte Urbano di Castelfranco Emilia, la guerra in Russia, le montagne dei partigiani per tornare disperatamente e finalmente a casa. Perché parlare di resistenza e memoria oggi? Cosa ci avvicina e cosa ci allontana da quel periodo? Cosa può insegnare alla nostra generazione il confronto diretto con una realtà apparentemente così lontana? La sfida che costituisce la natura più intima dello spettacolo è appunto il tentativo di mettersi a nudo di fronte a questa grande domanda. Quella di Albino Calletti è una vera e propria missione, un senso enorme di responsabilità non solo per i suoi cari, ma anche e soprattutto per i compagni.

«Capitava spesso che i ragazzi non avessero alcuna preparazione politica, erano antifascisti d’istinto, ma volevo convincerli che questo non bastava. I ragazzi dovevano essere informati. Allora mi dedicavo a diffondere la conoscere la conoscenza della vera natura antifascista, per dare più forza agli ideali di democrazia. Non bisognava ritirarsi dalla lotta. Non bisognava disertare. La memoria dei nostri caduti era affidata a noi».

Cliccare QUI per acquistare il biglietto

Generico novembre 2021

Sabato 27 novembre, alle ore 21, nell’ambito della Stagione Sinfonica, si potrà assistere a “Concerti e sinfonie di viaggio” a cura dell’ensemble musicale Beethoven.cam, con Chiara Nicora al pianoforte, Silvia Tuja al flauto, Laura Riccardi al violino ed Elisabetta Soresina al violoncello.

Con la stagione 21/22 il progetto Beethoven.cam e l’omonimo ensemble iniziano l’esplorazione di nuovi territori, portando sul palcoscenico del Teatro San Teodoro, accanto alla Sinfonia “Pastorale” di Beethoven, non ancora presentata qui nella versione di Hummel, il primo dei concerti per pianoforte e orchestra di Mozartche lo stesso Hummel trascrisse proprio negli stessi anni.  In questo momento in cui portare una grande orchestra sul palcoscenico pone grandi difficoltà, le riscritture di Hummel di grandi capolavori sinfonici per piccolo organico risultano quanto mai attuali. Johann Nepomuk Hummel, come compositore, fu forse un Mozart mancato, ma come virtuoso della tastiera superò  il maestro, e proprio attraverso il virtuosismo pianistico si fece testimone e divulgatore della tradizione del concerto per strumento solista da un lato e del grande repertorio sinfonico dall’altro; la sua versione del Concerto KV 466 non potrà che suscitare l’interesse del pubblico: lungi dall’esserne una semplice riduzione, rappresenta piuttosto una lettura “aggiornata” ma fedele del testo mozartiano.

Cliccare qui per acquistare il biglietto