Quantcast

Visti B1 / B2 per gli Stati Uniti: prezzi e modalità di ottenimento

Chi si reca negli Stati Uniti semplicemente per turismo, oppure per fare visita ad amici o parenti, se si trattiene per un periodo inferiore ai 90 giorni, come sappiamo, può evitare di richiedere il visto tradizionale e ottenere invece l’autorizzazione Esta. Tuttavia se, al contrario, qualunque sia la ragione del proprio viaggio in America, la necessità è quella di fermarsi negli Stati Uniti per un periodo di tempo superiore ai tre mesi, è obbligatorio ricorrere ai visti B1 / B2.

 

Con i visti di tipo B per gli Stati Uniti è possibile recarsi negli Stati Uniti per periodi superiori ai tre mesi, sia per turismo che per affari, motivi famigliari o altro, con l’opportunità di richiedere anche questi visti direttamente online.

 

Perché e quando chiedere i visti B1 e B2

 

I visti B1 e B2 rappresentano la soluzione ideale per chi deve fermarsi negli Stati Uniti per un periodo superiore ai 90 giorni, indipendentemente dallo scopo del viaggio, poiché in questo caso non è possibile chiedere l’autorizzazione Esta. È possibile ottenere un visto B1 o B2 oppure un bisto B1 / B2, che possiede le caratteristiche e i vantaggi di entrambi.

 

In sintesi, si può dire che il visto B1 è destinato a chi si muove soprattutto per motivi di affari, mentre il visto B2 si rivolge a chi si trova negli Stati Uniti per motivi turistici o comunque personali.

 

Visto di ingresso US per motivi di lavoro

 

Con il visto B1 è possibile soggiornare negli Stati Uniti per motivi professionali e per un periodo non superiore ai 6 mesi. Questo non significa lavorare per un’azienda americana: in questo caso, è necessario ottenere non un semplice visto di ingresso, ma un permesso di lavoro.

 

Il visto B1 è invece dedicato a coloro che hanno sviluppato rapporti commerciali o partnership con aziende statunitensi, oppure che devono partecipare a meeting o seminari organizzati negli Stati Uniti o che devono firmare un contratto o negoziare un accordo.

 

Tuttavia, è bene considerare che con il visto B1 è impossibile percepire uno stipendio da un’azienda con sede negli Stati Uniti: in questo caso è necessario disporre di un permesso di lavoro valido.

 

La validità del visto di ingresso B1 varia in base alle esigenze personali e alla natura della professione, per un periodo da 1 a 10 anni. Per ricevere un compenso dalla aziende statunitensi, è necessario farsi assumere da una società e ottenere così il permesso di lavoro.

 

Visto di ingresso per viaggi turistici

 

Il visto B2 riguarda invece i viaggi effettuati a scopo turistico e sono adatti a tutte quelle persone che desiderano visitare gli Stati Uniti con maggiore calma, assistere ad eventi culturali e manifestazioni sportive, fare volontariato, sottoporsi a cure mediche, fare visita a famigliare e amici e così via.

 

Anche in questo caso non è possibile ottenere questo visto per motivi di lavoro o per essere assunti da un’azienda americana.

 

I visti si richiedono tramite procedura online, con la possibilità di affidarsi ad un servizio telematico che permetta di riceverlo rapidamente e senza problemi particolari.