Quantcast

Variante Tremezzina, attesa per la data di chiusura: Il Ministero finanzia i costi delle navette foto

Il tavolo di coordinamento sollecita la gratuità del servizio per alleviare i disagi. A Villa Erba 350 posti auto (senza pagare) per i lavoratori che vogliono lasciare l'auto.

Il Tavolo di Coordinamento sulla Tremezzina si è oggi riunito con Regione Lombardia – Assessorato Infrastrutture trasporti e mobilità sostenibile – Ministero dei Trasporti, Anas, Agenzia del Tpl, Afs e Navigazione per affrontare il tema della copertura economica delle misure di traporto pubblico individuate per agevolare la mobilità durante i quattro mesi di chiusura della Regina. Il Tavolo odierno, convocato su iniziativa di Regione Lombardia, ha visto la partecipazione dell’assessore regionale Claudia Maria Terzi, la quale ha ribadito ad Anas e al Ministero la necessità che lo Stato centrale si faccia carico dei costi del piano straordinario di mobilità. Il Ministero ha accolto la sollecitazione dicendosi disponibile a recuperare le risorse che saranno necessarie. La settimana prossima, intanto, da Anas si avrà la conferma della data di chiusura della strada: dovrebbe essere il 29 di novembre.

Il Prefetto di Como, Andrea Polichetti, il Presidente della Provincia di Como, Fiorenzo Bongiasca, e il Presidente di Anci Lombardia, Mauro Guerra, hanno chiesto formalmente di garantire la gratuità della navetta-cerniera tra Sala Comacina e Argegno e di prevedere per gli utenti che risiedono o lavorano a nord di Colonno biglietti e abbonamenti scontati del 50%. La richiesta del territorio è stata accolta dal Ministero dei Trasporti, che si è detto disponibile a supportare la stipula di una convezione tra ANAS e gli enti interessati, e dall’Assessore regionale Claudia Maria Terzi, che ha richiesto ad Agenzia del TPL, ASF e Navigazione una quantificazione precisa dei costi in modo da arrivare in tempi stretti alla sottoscrizione dell’accordo per far fronte a queste esigenze mitigative degli impatti economici e sociali del cantiere.

 

Sempre sul fronte della mobilità, il Tavolo di Coordinamento sulla Tremezzina ha stretto un accordo con Villa Erba. Il centro espositivo metterà a disposizione gratuitamente i 350 posti auto del suo autosilo per far fronte alle esigenze di trasporto legate alla chiusura della Regina. Lavoratori e residenti dei comuni interessati, quindi, potranno lasciare la propria vettura a Cernobbio e utilizzare i mezzi pubblici per superare il blocco di Colonno.