Quantcast

I contagi che preoccupano, gli accorgimenti alla Rsa di Lora: i pazienti restano all’interno foto

Lo riferisce la responsabile ai familiari. Situazione sotto controllo, ma aumentano le attenzioni e le precauzioni.

I contagi che aumentano, un paio di focolai che preoccupano. E così anche le Rsa del nostro territorio iniziano a prendere qualche misura precauzionale sulla scia di quello che è successo al Sant’Anna con le visite dei degenti vietate da ieri per ragioni di sicurezza. Anche i familiari della struttura di Lora (Rsa Madre della divina provvidenza) sono stati informati che da oggi le attenzioni devono essere aumentate. Dunque, basta uscite dei degenti fino a nuova disposizione. Le visite in struttura, però, proseguono con tutte le attenzioni del caso.

 

Così la responsabile della struttura in una lettera inviata ai familiari dei degenti (nessun contagio registrato, misura puramente precauzionale)

 

Cari famigliari, siamo stati informati da ATS Insubria (mail del 11/11/2021) dell’esistenza di due focolai COVID-19 in strutture del territorio. Nell’intento di tutelare gli ospiti che ci sono stati affidati e preservarli da un possibile contagio vi chiediamo di non portare i vostri cari fuori della struttura.

Pertanto, con effetto immediato e fino a nuovo avviso: 

  • le uscite dalla R.S.A. saranno permesse soltanto per motivi di salute improcrastinabili.
  • Le visite in presenza o alla finestra continuano ad essere organizzate e restano invariate. 

 

Vi ringrazio della fiducia che riponete in noi, con i migliori saluti