Quantcast

Festival del Legno di Cantù, un “BOOM” tra Dalì e Dante

Si inaugura venerdì 12 novembre la nona edizione del Festival del Legno di Cantù, sabato 13 apre la mostra Il Viaggio. Dalì incontra Dante

Sarà inaugurata domani sera, venerdì 12 novembre alle ore 18, presso la ex Chiesa Sant’Ambrogio di Cantù, la nona edizione di Cantù Città del Mobile – Festival del Legno, intitolata BOOM, esplode la voglia di fare. L’evento proseguirà alle ore 19 in Piazza Garibaldi con l’accensione dell’installazione Il Fare Siamo NOI.

Moltissimi gli eventi in programma per questa edizione, sia in presenza e online, tutti consultabili sul sito della manifestazione (dove si trovano tutte le info per partecipare), tra mostre, talk, workshop, laboratori, shooting e installazioni, così come tante sono le associazioni e le realtà presenti al festival, che animeranno diversi spazi della città fino al 21 novembre.

Sabato 13 novembre alle ore 10, in Villa Calvi, si svolgerà l’inaugurazione del format Shopping & Design, con consegna cartelli vetrina 2021 e premiazione vincitori edizione 2020.

Dalì incontra Dante Festival legno di Cantù

Da sabato 13, inoltre, in occasione del 700° anniversario della morte di Dante, l’Ex Chiesa Sant’Ambrogio ospiterà  la mostra Il Viaggio. Dalì incontra Dante, organizzata dall’Associazione RussiA Como in collaborazione con Art Events Mazzoleni. 

In esposizione, un centinaio di xilografie acquerellate firmate da Salvador Dalì, commissionate nel 1950 al celebre artista spagnolo dal governo italiano per illustrare la Divina Commedia. Le tre cantiche Inferno, Purgatorio e Paradiso sono differenziate da tre aree colorate in maniera diversa, volte a simboleggiare il percorso affrontato da Dante nel suo capolavoro più famoso. Ogni xilografia di Dalí, dunque, rappresenta un personaggio o un evento corrispondente a ciascun canto collocato nella cantica dantesca corrispondente.

Il viaggio nell’oltremondo dantesco è stato interpretato da Salvador Dalí con i motivi più rilevanti della sua ricerca metafisica e mistica, rappresentando in maniera egregia l’elevata umanità della Divina Commedia con un inevitabile sguardo psicoanalitico che esplora l’inconscio dell’uomo contemporaneo, perso e confuso come Dante agli albori del 1300.

Orari della mostra:

Sabato 13 e domenica 14 novembre dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 15 alle 19, da martedì 16 a Venerdì 19 dalle ore 15 alle 19, sabato 20 e domenica 21 dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 15 alle 19.

.