Quantcast

Acsm-Agam, primi mesi del 2021 meglio del 2020

Ottimo il risultato netto del gruppo nei primi nove mesi del 2021 rispetto all'anno precedente: è positivo e pari a 28,6 milioni di euro

Più informazioni su

Il consiglio di amministrazione di Acsm-Agam S.p.A. ha approvato le informazioni finanziarie periodiche aggiuntive del gruppo al 30 settembre 2021. L’ammontare complessivo dei ricavi delle vendite consolidate nei nove mesi 2021 risulta pari a 300,5 milioni di euro, in incremento rispetto al 2020 (259,3 milioni di euro), principalmente grazie all’avvio delle attività di efficientamento energetico (ecobonus e superbonus 110%) nonchè per le maggiori vendite di gas, energia elettrica e teleriscaldamento. I costi riferiti al personale, espressi al netto delle poste capitalizzate per investimenti pari a 8,3 milioni di euro, risultano pari a 32,4 milioni di euro, in linea rispetto al 2020 (32,2 milioni di euro, al netto di capitalizzazioni per 6,8 milioni di euro).

Risultati 9 mesi 2021 in importante miglioramento rispetto al 2020

EBITDA 1 pari a 63,3 ml. di euro (50,8 ml. di euro nel 2020) +24,7%

EBIT 2 pari a 26,6 ml. di euro (14,5 ml. di euro nel 2020) +83,6%

Risultato Netto di Gruppo pari a 28,6 ml. di euro (9,4 ml. di euro nel 2020) in forte crescita principalmente grazie ad effetti fiscali positivi non ripetibili, pari a circa 11 milioni di euro.

Investimenti per 51,1ml. di euro, in aumento rispetto al 2020 (48,1 ml. di euro)

Indebitamento finanziario netto pari a 151,6 ml. di euro (149,0 ml. di euro al 31.12.2020).

Leverage pari a 0,30 in linea con il 31.12.2020

Gli altri costi operativi dei nove mesi 2021 sono pari a 204,8 milioni di euro, in crescita rispetto al 2020 (176,3 milioni di euro) correlata a quella dei ricavi, sopra commentata. Nei nove mesi è proseguita l’azione di efficientamento e ottimizzazione sui costi avviata negli anni precedenti e accentuata in particolare nel corso del 2020 durante la fase critica della pandemia.
La gestione operativa consolidata evidenzia un Margine Operativo Lordo, prima delle partite non ricorrenti pari a 63,3 milioni di euro, in sensibile incremento rispetto al 2020 (50,8 milioni di euro). In particolare, i nove mesi 2021 hanno beneficiato del contributo positivo della maggior parte delle business units operative, in particolare dei maggiori margini della vendita e delle attività di teleriscaldamento e gestione calore, idroelettrico, della ripresa dell’impianto di termovalorizzazione post revamping della seconda linea. L’effetto positivo sul MOL è derivato anche da incrementi tariffari idrici e dagli effetti delle azioni di ottimizzazione costi attuate dal gruppo. Hanno contribuito positivamente, con riferimento alla distribuzione gas, idrica ed energia elettrica, anche la maggior capitalizzazione dei costi del personale grazie agli investimenti realizzati e l’aumento degli altri ricavi da utenti per contributi lavori ed interventi, voci particolarmente penalizzate nel 2020 che aveva risentito dei minori ricavi causa lockdown.

Il Margine Operativo Netto si attesta, a 26,6 milioni di euro, in sensibile incremento rispetto ai 14,5 milioni di euro del 2020. La gestione finanziaria complessiva dei nove mesi 2021 ammonta a -0,5 milioni di euro, in linea rispetto al 2020 (-0,4 milioni di euro). Il saldo imposte, al 30 settembre 2021, risulta positivo e pari a 2,8 milioni di euro, ed include gli effetti derivante dall’adesione alla c.d. “opzione di re-allineamento” 5 dei valori fiscali e contabili che, con riferimento alle imprese che utilizzano i principi IAS/IFRS, consente di eliminare preesistenti divergenze tra il valore fiscale degli assets, materiali ed immateriali, ed il maggior valore contabile iscritto in bilancio. Al netto di tale effetto gli oneri per le imposte nei nove mesi 2021 risultano pari a 8,2 milioni di euro 6 (nel corrispondente periodo del 2020 risultavano pari a 4,3 milioni di euro) con tax rate in linea con anno precedente.
Per le ragioni sopra esposte il Risultato Netto del Gruppo dei nove mesi 2021, al netto della quota di utile degli azionisti di minoranza, risulta positivo e pari a 28,6 milioni di euro, in importante miglioramento rispetto al 2020 (9,4 milioni di euro) per quanto sopra evidenziato.

Più informazioni su