Quantcast

Lunedì del Cinema: scemo+scemo e una mosca, “Mandibules” foto

Jean-Gab e Manu, amici per sempre e scemi da sempre, rubano una vecchia auto e  trovano nel cofano una mosca gigante. Decidono di addestrarla al furto. La premessa non sense introduce al film  MandibulesDue uomini e una mosca in programmazione al cinema Gloria di via Varesina per i Lunedì del Cinema.

Si ride, meglio, ridacchia con Quentin Dupieux, il regista, musicista e discografico francese che a film strani ci ha abituati, da Rubber (2010), incentrato su un diabolico pneumatico killer, dotato di poteri telepatici a Doppia pelle  (2019), forse il suo film più conosciuto in Italia, nel quale il Premio Oscar Jean Dujardin interpreta un uomo che vuole realizzare un film sulla sua giacca di pelle di daino. Attori al servizio della storia, dialoghi surreali quanto basta e grande attenzione per i colori  e la fotografia, il cinema di Dupieux è pienamente inserito in quelle pazze narrazioni che possono diventare piccoli cult. In Mandibules  si ritrova, più o meno, quello che uno si aspetterebbe da lui, come i personaggi intrisi di una forte dose di anormalità, l’elemento dell’assurdo o del paradossale per cui succedono cose inverosimili nella più totale indifferenza di chi vi assiste. Eppure in questo film c’è qualcosa di diverso dal solito, il regista ha dichiarato di aver voluto provare a fare un film più allegro e solare del consueto, estirpando le ombre fosche e i richiami alla morte tipici delle sue commedie nere.

Jean-Gab e Manu sono due sempliciotti, due alternativi, senza un soldo in tasca, senza un lavoro che non sia un lavoretto per conto terzi o una stazione di servizio. Qualcosa cambia quando vengono ingaggiati da un misterioso cliente per consegnare una valigetta. Jean-Gab ruba una Mercedes malandata e nel bagagliaio vi rinviene una mosca gigante delle dimensioni di un cane di media taglia. Decidono di provare ad ammaestrarla e insegnarle a rubare cibo e altri beni primari per conto loro, così da poter stare al mondo senza faticare e continuare a non fare niente nella vita. Lungo la strada faranno una serie di avventure tragicomiche con la mosca che mangia cibo per gatti, beve l’acqua delle piscine, divora cagnetti di piccola taglia.

lunedì del cinema

Mandibules è un film sull’amicizia, sulla libertà di non conformarsi e di stare al mondo ognuno come gli pare. I due loser senza alcuna qualità né volontà di emergere dalla piattezza delle loro esistenze che animano la storia sono personaggi bidimensionali, non imparano alcuna lezione e sono mossi solo dall’intenzione di realizzare il loro piano demenziale. Eppure interpretano un sentimento di amicizia vero e genuino all’interno di una società deformata e deformante, in cui tutto appare bizzarro, eccessivo, a tratti mostruoso. E il film è di fatto un «ritratto surrealista di una società, la nostra, dominata da rapporti umani contorti» come dice il regista stesso, in cui gli unici portatori di uno sguardo autentico non possono essere che due poveri idioti, verrebbe da aggiungere.

Nulla di illuminante d’accordo e soprattutto niente di nuovo. Eppure nell’universo distorto e surreale del cinema di Quentin Dupieux è un discorso che, ingenuamente, trova un suo senso.

 

Spazio Gloria via Varesina – Como

8 novembre

MANDIBULES – DUE UOMINI E UNA MOSCA

di Quentin Dupieux

Francia, 2020

Inizio film ore 21

Ingresso intero € 7,  ridotto € 5 (under 20 e over 65)
Ingresso riservato ai soci ARCI. Prevendita online consigliata
E’ necessario essere muniti di Green Pass.

Spazio Gloria via Varesina 72 – Como
Info: www.spaziogloria.com