Quantcast

Una disattenzione fatale: funghi tossici a pranzo, muore pensionato di Monguzzo foto

Fatale l'intossicazione per avere ingerito un esemplare velenoso. Moglie e badante sempre gravi in ospedale.

Una disattenzione fatale. La non perfetta conoscenza dei funghi sarebbe stata all’origine del dramma avvenuto in una abitazione di Monguzzo, nell’erbese. Un esemplare di amanita falloide, un fungo velenoso spesso mortale per le conseguenze sul fegato, avrebbe provocato l’intossicazione alimentare costata la vita a un uomo di 86 anni di Monguzzo – Giampaolo Mauri – con gravi conseguenze anche sulla moglie della vittima e sulla badante della coppia. Le due donne sono entrambe ricoverate in condizioni gravi, la prima al Sant’Anna e l’altra al Niguarda di Milano.

L’episodio risale ai giorni scorsi: i tre avrebbero fatto un pranzo a base di funghi. E sarebbe stata la badante a raccogliere i funghi. La sua non perfetta conoscenza, evidentemente, alla base dell’intossicazione. I tre si sono sentiti male poche ore dopo e le condizioni di Mauri si sono aggravate rapidamente. Il suo decesso al Sant’Anna: a nulla hanno potuto i medici. Le due donne sono sempre in prognosi riservata: condizioni ancora serie anche se non in peggioramento.

 

LA PRECISAZIONE DI ATS INSUBRIA

Gli sperti micologi dell’agenzia sono a disposizione gratuitamente per controllare i funghi raccolti dai cercatori e verificarne la loro commestibilità. Nel dubbio, consigliato rivolgersi a loro.