Quantcast

Bassone, torna a salire la tensione: detenuto dà fuoco al materasso e poi ferisce gli agenti foto

Una decina di contusi, alcuni anche con diversi giorni di prognosi. Da mesi la Polizia Penitenziaria denuncia una situazione insostenibile.

Torna a salire, pericolosamente, la tensione al carcere del Bassone di Como tra detenuti ed agenti di polizia penitenziaria. I sindacati di questi ultimi, varie sigle, lanciano l’ultimo grido di allarme che arriva dalla struttura di Albate. Negli ultimi giorni – lo si è appreso in queste ore – un detenuto straniero (magrebino) ha dapprima appiccato l’incendio alla sua cella e successivamente ha aggredito gli agenti intervenuti per domare le fiamme. Secondo episodio nel giro di quattro giorni: in tutto sono dieci i poliziotti della penitenziaria contusi

protesta agenti carcere del bassone di como per condizioni di lavoro

Il protagonista, che non sembra nuovo a questi episodi di indisciplina, avrebbe incendiato il materasso della propria cella e altre parti infiammabili della stessa. E subito dopo  lo stesso si è scagliato con violenza contro gli agenti intervenuti a riportare la situazione alla calma. Cosa già fatta anche quattro giorni fa. In tutto sono dieci, come detto, gli agenti che hanno avuto bisogno delle cure del pronto soccorso, con prognosi per qualcuno di diversi giorni sia per le contusioni che per l’intossicazione da fumo per altri”. E questo è solo l’ultimo episodio di una lunga scia di violenze al Bassone, già ripetutamente denunciate dagli agenti (foto da una recente protesta).

“Uno schifo – fa sapere Davide Brienza, segretario regionale della Federazione Sindacati Autonomi Coordinamento Nazionale di Polizia Penitenziaria -. Da mesi denunciamo una situazione insostenibile per noi. Viviamo costantemente in queste condizioni: sotto ricatto e minacce dei detenuti. Questo detenuto – prosegue – sta rendendo invivibile una intera sezione, quella dell’infermeria. Aggiungo – dice Brienza – che lui era armato di bastone e lamette, i colleghi intervenuti senza protezioni. Credo di avere detto tutto. Situazione da incubo, credeteci. Non potete capire se non venite a vedere qui dentro. Ed oggi – conclude – la direzione ha riconsegnato a lui il materasso bruciato, mentre i colleghi sono finiti in ospedale”

 

Le prime reazioni politiche non tardano ad arrivare. Eugenio Zoffili, deputato comasco Lega Nord, annuncia che presto sarà in visita al Bassone:”Voglio capire, sto scrivendo anche una interrogazione al MInistro della giustizia Cartabia. Gravissimi fatti come questo non devono più accadere, solidarietà agli agenti della Penitenziaria feriti dal violento detenuto ed ai loro colleghi”