Quantcast

Quattro film per parlare de “L’arte al cinema”

La citazione del grande regista giapponese Akira Kurosawa “Il cinema racchiude in sé molte altre arti; così come ha caratteristiche proprie della letteratura, ugualmente ha connotati propri del teatro, un aspetto filosofico e attributi improntati alla pittura, alla scultura, alla musica” , è il perfetto link per la rassegna cinematografica “L’arte al cinema” promossa da The Art Company in collaborazione con Stanze di Cinema.

“Finalmente riprendiamo a parlare di cinema e sopratutto a vedere film – dicono gli organizzatori che negli anni scorsi avevano già aperto lo spazio artistico di via Borgovico a Como al cinema – Vi proponiamo quattro titoli che raccontano artisti o luoghi depositari di arte con la collaborazione degli amici di Stanze di Cinema che introduranno ogni proiezione”.

Stanze di Cinema è il sodalizio culturale presieduto da Marco Albanese che promuove la conoscenza del cinema attraverso la rete internet, la radio (curano personalmente una trasmissione settimanale su Ciaocomo radio), e l’organizzazione o la partecipazione ad eventi cinematografici come nel caso di “L’arte al cinema” che presenterà tra fine ottobre e novembre, film recenti come “Volevo nascondermi” ovvero il Ligabue raccontato dal regista Giorgio Diritti, con film e documentari fondamentali sull’arte come lo stupefacente “I colori della Passione” e il biografico “Francofonia”.

La proiezione è destinata agli iscritti a The Art Company Como con prenotazione obligatoria al +39 335 8095646

Programma:

giovedì 28 ottobre  ore 20.30
Volevo nascondermi di Giorgio Diritti
Italia 2020

La vita del pittore Antonio Ligabue, uno dei maestri e protagonisti fondamentali dell’arte contemporanea internazionale. Il film è stato premiato ai Nastri d’Argento, ha ottenuto 15 candidature e vinto 7 David di Donatello, Il film è stato premiato al Festival di Berlino, ha ottenuto 1 candidatura agli European Film Awards.

giovedì 4 novembre ore 20.30
I colori della passione (The Mill & the Cross) di Lech Majewski
Polonia 2011

Il regista Lech Majewski configura il mondo visionario e senza regole del pittore Pieter Bruegel. Il film è stato premiato a Durres, Gdynia, Lume e Siviglia.

giovedì 11 novembre ore 20.30
Francofonia di Aleksandr Sokurov
Francia/Germania/Olanda 2015

La storia di due uomini eccezionali: il direttore del Louvre Jacques Jaujard e l’ufficiale dell’occupazione nazista il conte Franziskus Wolff-Metternich, prima nemici, poi collaboratori.

giovedì 18 novembre
ore 18.00
presentazione libri che raccontano due grandi registi
Bong Joon-Ho memorie treni madri e parassiti
Denis Villeneuve incendi
di Marco Albanese che dialoghera con Stanze di Cinema
ore 20.30
Il ritratto negato
di Andrzej Waida
Polonia 2016

La storia di Wladyslaw Strzeminski, vittima delle persecuzioni del regime comunista per non aver adeguato la sua arte astratta ai dettami del realismo socialista.

Viste le restrizione Covid il numero massimo di spettatori ammessi sarà di 15 persone.
È obbligatorio l’esibizione del green pass e l’uso della mascherina per tutta la durata della proiezione
PER INFORMAZIONI
+39 031 576103 | info@theartcompanycomo.it
www.theartcompanycomo.it