Quantcast

Green Pass e malattie degli autisti, il duro affondo dei sindacati ad Asf:”Chiarimenti o danni”

La nota in redazione:"Le dichiarazioni dell'azienda mettono in cattiva luce il personale: rischio di eventuali aggressioni".

Il duro confronto a distanza tra Asf Autolinee ed i suoi autisti – molti dei quali assenti da giorni dal posto di lavoro – si arricchisce oggi di una nuova vicenda. E’ la lettera che i sindacati della categoria hanno inviato ad azienda, Confindustria e, per conoscenza, anche la Prefetto di Como e che pubblichiamo integralmente qui sotto.

 

Como, 19 ottobre 2021 Prot. n°14/2021 Asf

 

Spett.li

Direzione ASF Autolinee segreteria@pec.asfautolinee.it

 

Confindustria Como

 

Alla C.Att.ne          Sua Eccellenza Prefetto di Como

 

Oeeetto:  Richiesta chiarimenti dati malattie e ereen pass di pendenti ASF.

 

Le scriventi Segreterie Territoriali e la Rsu, a seguito delle dichiarazioni rilasciate dall’Azienda ASF Autolinee, riguardante nello specifico l’aumento sproporzionato dell’utilizzo dell’istituto della malattia da parte del personale ASF, chiedono di riceve nell’incontro del 21 ottobre (domani in Prefettura) dati dettagliati deposito per deposito per le giornate dal 11 al 19 ottobre c.a. e relativo report 2020.

Inoltre chiediamo quanti lavoratori hanno dichiarato dal giorno 15 di non essere in possesso di green pass, poiché i dati che sono a nostra conoscenza non coincidono con le Vostre dichiarazioni rilasciate ai mezzi di stampa.

Dichiarazioni che mettono in cattiva luce il personale di Asf rispetto all’opinione  pubblica in generale e in particolare della cittadinanza comasca. Stando a quanto riportatoci dai lavoratori, tali dichiarazioni suscitano nell’utenza una particolare attenzione aumentando il rischio di aggressioni durante il servizio al personale di Asf.

Se tali dati non saranno veritieri valuteremo eventuali percorsi da seguire in tutela dei diritti dei lavoratori.

 

Cgil, Cisl ed Uiltrasporti