Quantcast

Riapertura graduale per teatri, cinema, stadi e palazzetti. E nessuna limitazione per i musei foto

Il parere del Comitato tecnico scientifico atteso anche da noi. Mercoledì potrebbe diventare provvedimento di legge. Un aiuto a molte società e organizzazioni culturali.

Novità in vista per teatri, cinema, stadi e palazzetti dello sport anche del nostro territorio: torneranno a riempirsi ben al di là del 50% finora concesso (25% per i palazzetti). Richiesto di un parere da parte del Governo, il Comitato Tecnico-Scientifico si è riunito in serata per discutere sull’aumento delle capienze. Nel prossimo Consiglio dei Ministri, in programma mercoledì, le indicazioni degli esperti potrebbero già tradursi in un provvedimento di legge. Il Comitato Tecnico Scientifico, coordinato da Franco Locatelli, si è confrontato per produrre il proprio parere. Con una nota ha specificato le indicazioni sulle tematiche relative ai quesiti posti rispettivamente dal ministro dei Beni e delle Attività culturali, Dario Franceschini e dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega allo Sport, Valentina Vezzali, in particolare rispetto alle manifestazioni sportive e attività dello spettacolo.

 

Il Comitato – si legge in una nota diffusa in queste ore – sulla base dell’attuale evoluzione positiva del quadro epidemiologico e dell’andamento della campagna vaccinale ritiene si possano prendere in considerazione allentamenti delle misure in essere, pur sottolineando la opportunità di una progressione graduale nelle riaperture, basata sul costante  monitoraggio dell’andamento dell’epidemia combinato con la   progressione delle coperture vaccinali nonché degli effetti delle riaperture stesse”. Dunque, in sintesi, gli esperti hanno deciso che per quel che riguarda le manifestazioni sportive si può “procedere con graduali riaperture degli accessi di persone munite di Green Pass agli eventi sportivi“.

 

Il CTS in particolare ritiene possibile prevedere un aumento della capienza massima delle strutture all’aperto al 75% e per quelle al chiuso al 50% in zona bianca. Il Cts inoltre raccomanda che “la capienza negli impianti debba essere rispettata utilizzando tutti i settori e non solo una parte al fine di evitare il verificarsi di assembramenti in alcune zone; siano rispettate le indicazioni all’uso delle mascherine chirurgiche durante tutte le fasi degli eventi. Ci sia la vigilanza sul rispetto delle indicazioni. Quanto alle manifestazioni culturali, il CTS ritiene si possa “procedere con graduali riaperture degli accessi di persone munite di Green Pass per cinema, teatri, sale da concerto”. In particolare ritiene possibile “prevedere un aumento della capienza massima delle strutture al 100% all’aperto e all’80% al chiuso in zona bianca. Tale indicazione potrà essere rivista nell’arco del prossimo mese”. Il CTS inoltre raccomanda che “siano rispettate le indicazioni all’uso delle mascherine chirurgiche durante tutte le fasi degli eventi; sia posta massima attenzione alla qualità  degli impianti di aerazione; ci sia la vigilanza sul rispetto delle indicazioni“.  Il CTS infine, rispetto agli accessi ai musei, “non pone limitazioni ma raccomanda di garantire l’organizzazione dei flussi per favorire il distanziamento interpersonale in ogni fase con l’eccezione dei nuclei conviventi”.