Quantcast

Summit in Prefettura per l’inizio delle scuole in sicurezza: due ingressi differenti per i ragazzi foto

Si cerca di riprendere le lezioni senza assembramenti pericolosi sui mezzi pubblici. Asf ha già pubblicato l'orario invernale in vigore da lunedì

Sono le prime indicazioni che arrivano dalla Prefettura di Como in attesa della nota ufficiale (attesa a breve) per l’avvio del nuovo anno scolastico che scatta da lunedì anche da noi. Il vertice di stamane in Prefettura – con sindaci, autorità scolastice, dirigenti e vertici di Asf Autolinee – ha stabilito un doppio ingresso (in quasi tutti gli istituti cittadini superiori) per ripartire in sicurezza. Ora le varie scuole stanno definendo gli orari e le modalità da comunicare ai ragazzi ed ai genitori entro il fine settimana.

 

In questo modo, da quanto si è appreso, i pullman – sui quali non serve il green pass per salire a bordo (capianza attuale dell’80% della portata massima) – viaggeranno si a pieno regime da lunedì mattina, ma senza picchi in alcuni orari sia per l’ingresso che per l’uscita. Tenendo conto, però, che da sempre i primi giorni sono differenti per natura: le lezioni entreranno a pieno regine solo a metà della settimana o al più tardo dopo la prima settimana di rodaggio.

 

 

Va precisato che, nel frattempo, sul sito di Asf Autolinee sono già presenti gli orari nuovi in vigore da lunedì 13 (orario invernale scolastico). Per vedere ecco il link

https://www.asfautolinee.it/it/linee-e-orari-in-pdf

 

 

Di seguito il comunicato ufficiale della Prefettura d’intesa con i vari istituti del territorio

 

Sono state individuate le iniziative volte a garantire il ritorno in aula, in sicurezza, al 100% degli studenti, con conseguente approvazione del nuovo documento operativo all’uopo predisposto, pubblicato sul sito istituzionale della Prefettura.

Dall’ampio confronto è emerso che il sistema di trasporto pubblico locale, pur se limitato da un coefficiente di riempimento dei mezzi pari attualmente all’80%, è complessivamente in grado, ad invarianza di offerta, di gestire la citata domanda, come comprovano i dati relativi all’utilizzo dei mezzi di trasporto da parte degli studenti, già monitorati a decorrere dal 26 aprile u.s

           Tuttavia, al fine di evitare assembramenti e sovraffollamenti di sorta, attenuare ancora una volta l’impatto della popolazione studentesca sul sistema di trasporto pubblico locale, agevolare la fruibilità delle corse giornaliere nella fascia di punta del mattino e dare modo soprattutto al sistema di trasporto pubblico locale di ricalibrare nuovamente il servizio, adeguandolo alle mutate esigenze, si è convenuto di confermare, almeno in una prima fase, coincidente con i mesi di settembre e ottobre, la differenziazione degli orari in entrata e uscita degli studenti iscritti alle scuole secondarie di secondo grado, in modo da allinearsi su una percentuale di carico dei mezzi di trasporto pari al 70% e al 30% degli studenti in entrata, rispettivamente, alle ore 8.00 e alle ore 10.00.

Pertanto è stato previsto che, nel periodo 13 settembre – 31 ottobre 2021, le scuole secondarie di secondo grado di Como e provincia modulino (anche per classi, classi parallele, indirizzi) la frequenza a scuola del 100% della popolazione studentesca, in modo da ripartire l’attività didattica in presenza in due fasce orarie, corrispondenti ai seguenti orari di entrata e uscita degli studenti:

  • 1^ fascia: ingresso alle ore 8.00 e uscita alle ore 13.00

(concentrando in tale fascia oraria circa il 70% degli studenti)

  • 2^ fascia: ingresso alle ore 10.00 e uscita alle ore 15.00

 (concentrando in tale fascia oraria circa il 30% degli studenti)

A partire dal 13 settembre si è, altresì, concordato di effettuare un nuovo monitoraggio dell’utilizzo del trasporto pubblico locale, atto a favorire la riprogrammazione e il potenziamento dei servizi di trasporto in modo puntuale, sia acquisendo le necessarie informazioni dagli studenti sulla prevista app Transita messa a punto dell’Agenzia per il Trasporto Pubblico Locale, sia attraverso la verifica, da parte delle aziende di trasporto, dell’effettivo livello di riempimento dei mezzi previsti in relazione alle singole corse.

La pianificazione concordata per l’avvio del nuovo anno scolastico è da intendersi improntata – come al solito – a flessibilità, in quanto lascia spazio per l’eventuale inserimento, da parte di ASF e FNMA, di corse aggiuntive che dovessero rendersi necessarie o la modifica di corse già previste: in tal senso, le aziende avranno cura di monitorare nuovamente, alla ripresa scolastica, i punti di maggior carico, onde verificare la generale tenuta del sistema e l’effettivo livello di riempimento dei mezzi in relazione alle singole corse e adottare gli opportuni correttivi;

Essa sarà oggetto di costante monitoraggio anche da parte delle altre componenti interessate, fin nelle prime settimane successive alla ripartenza delle attività didattiche, con il coinvolgimento delle Forze dell’Ordine, delle Polizie Locali e del volontariato organizzato di protezione civile, in modo da garantire il distanziamento presso i plessi scolastici e le principali zone di salita/discesa degli studenti e scongiurare ipotesi di possibili assembramenti nei luoghi di partenza e arrivo

A tale proposito, il Prefetto ha disposto la riattivazione, a decorrere da lunedì prossimo, della Cabina di Regia già istituita nello scorso mese di aprile, incaricata di procedere a una ricognizione della situazione relativa ai vari istituti scolastici, con segnato riferimento agli eventuali assembramenti riscontrati e alle percentuali di carico dei mezzi di trasporto.

Alla scadenza del periodo suindicato, sulla base dei risultati acquisiti nonché dell’andamento della campagna vaccinale e della situazione epidemiologica, il Tavolo di coordinamento valuterà la sussistenza delle condizioni di sicurezza e la disponibilità di idonei mezzi di trasporto atti a consentire il ripristino di un unico turno di ingresso e uscita degli studenti dalle scuole.