Quantcast

Può un’adolescente cambiare il mondo? “Storia di un no” per il teatro in Val Mulini foto

Continua a tappe ravicinate la rassegna “Impressioni – Spettacoli per lasciare il segno” promossi da Coop Attivamente nella ex Tinto-Stamperia Val Mulini in Via dei Mulini 3 a Como. Sabato 11 settembre alle ore 21 “Storia di un no” è il primo titolo di un trittico dedicato ai giovanissimi.

Dalla preadolescenza in avanti l’amore bussa alla nostra porta con un abito nuovo. Questa emozione ci travolge senza preavviso e ci trova impreparati. È un argomento di cui si parla troppo poco, eppure bisognerebbe farlo. Perché? Perché un’adolescente su 20 racconta di essere stata aggredita fisicamente e/o verbalmente dal proprio fidanzato. E in tre casi sul quattro, la ragazza perdona il partner. Il secondo spettacolo sarà “Due destini” (15/9) e l’ultimo “Tre” (17/9).

“Storia di un no” racconta di Martina che ha quattordici anni, una pianta carnivora di nome Yvonne e delle cuffiette bianche. Martina non ha vestiti firmati, non ha il motorino e non ha la mamma. Ma Storia di un no racconta anche del papà di Martina, che lavora da casa, ama “Cime tempestose” e cucina la lasagna ogni volta che c’è qualcosa di importante da festeggiare. Storia di un no, poi, racconta certamente di Alessandro, che ha una felpa di marca, un ciuffo a cui dedica venti minuti ogni mattina, e che di Martina s’innamora praticamente subito, o almeno così dice lui.

“Storia di un no” è la storia di quell’incontro, di un primo bacio che non è come era stato sognato ma che è bello lo stesso, di famiglie che non sono come le vorremmo, della necessità di considerare l’altra metà della coppia come essere funzionale a noi e ai nostri bisogni, dell’amore confuso con il possesso. È la storia di Martina che sceglie di pensarsi intera, e quindi dice basta, creando con la sua consapevolezza una reazione a catena in grado di cambiare le cose.

Può un’adolescente cambiare il mondo? Ecco. “Storia di un no” parla di questo.

storia di un no coop attivamente

11 settembre ore 21:00

“Storia di un no”

di e con: Annalisa Arione e Dario De Falco
musiche di: Enrico Messina
produzione: Compagnia Arione de Falco

I biglietti si acquistano qui.

Storia di un no è parte di Impressioni – Spettacoli per lasciare un segno, rassegna teatrale orgniazzata da AttivaMente e Intrecci Tetarali con il sostegno di Fondazione Cariplo e GENER-AZIONI.

La ex Tinto-Stamperia Val Mulini si trova a Como, in Via dei Mulini 3. Le iniziative si svolgono nel corpo sud del comparto industriale, con ingresso pedonale dalla Val Mulini. A pochi decine di metri c’è l’Autosilo comunale Valmulini. L’accesso pedonale è ugualmente possibile da Piazzale Montesanto, davanti alle Caserme, lungo la sponda del Fiume Aperto.