Quantcast

Estensione del green Pass, le anticipazioni: addetti alle mense e lavoratori ditte di pulizia foto

Il Governo mette a punto la strategia per affriontare la ripresa scolastica. I primi provvedimenti da oggi, altri slittano di almeno una settimana

Il provvedimento è atteso per oggi: il Governo dovrebbe fare un altro piccolo passo avanti per estendere il green pass obbligatorio nel mondo del lavoro. Salvo sorprese dell’ultima ora, con il Consiglio dei ministri di oggi (9 settembre,), dovrebbe arrivare l’allargamento della certificazione verde anche per i circa 40mila addetti (esterni) alle mense scolastiche e universitarie, e per qualche migliaio di lavoratori delle ditte di pulizia e manutenzione negli istituti scolastici

L’obbligo di green pass dovrebbe essere esteso anche a tutto il personale delle Rsa, le Residenze sanitarie per anziani, dove già vige l’obbligo di vaccinazione per il personale sanitario. Ma anche qui lavorano amministrativi e personale, spesso esterno, che si occupa di pranzi e cene degli ospiti e delle pulizie. In più lavorano migliaia di ausiliari oggi esclusi dall’obbligo. Anche per questi, insieme al personale sanitario, scatterà dunque l’obbligo di possedere il certificato verde. La conferma è attesa per le prossime ore, per il momento solo indiscrezioni di stampa e di fonti vicino al Governo. Il “Sole 24ore” ne ha anticipato stamane alcuni contenuti.

Sembra, invece, slitatre alla prossima settimana l’ulteriore allargamento dell’uso del pass. Dopo le tensioni all’interno della maggioranza soprattutto per la frenata della Lega si dovrebbe procedere con gradualità e in modo più lento del previsto: tra le categorie a cui potrebbe essere richiesto il pass per primi ci sono i lavoratori nei settori in cui oggi bisogna esibire il certificato (camerieri e ristoratori, autisti dei trasporti pubblici, gestori dei locali), ma anche quelli a contatto con il pubblico (a esempio i supermercati). Si ragiona poi sull’estensione del pass a tutti i dipendenti della Pubblica amministrazione e per concludere anche i lavoratori del settore privato.