Quantcast

Giornata Mondiale del Cane: come nasce un’Unità Cinofila di Soccorso? Il racconto dell’istruttrice Ilaria Rocchetto

Più informazioni su

Fedele, leale, giocherellone, in grado di strapparci un sorriso nelle giornate più buie e compagno di lavoro in tanti ambiti operativi dalla caccia alla difesa del territorio fino alle attività di soccorso in caso di calamità naturali o eventi emergenziali, che straordinario animale il cane.

Oggi è la Giornata Mondiale del Cane e accogliamo l’invito del CISOM, Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta, di racconta il gran lavoro che si cela dietro alla formazione dei volontari e all’addestramento dei loro fedeli compagni impiegati nella Unità Cinofile di Soccorso. Dal 2009 il CISOM, con la propria Scuola Nazionale Cinofila, forma Unità per la ricerca persone in contesti di pericolo. Le Unità Cinofile CISOM sono intervenute in tutte le principali calamità ed emergenze degli ultimi anni, non ultimo il terremoto di Amatrice, ma anche in attività di Salvamento in Acqua e Pet Therapy. Le prossime frontiere su cui attualmente si lavora riguardano l’utilizzo dell’olfatto del cane nella ricerca medica. Alla base di questo lavoro c’è sempre il binomio uomo-cane

L’Unità Cinofila si compone di un volontario CISOM specializzato, detto conduttore, e un cane addestrato per coadiuvare specifiche operazioni – spiega Ilaria Rocchetto, Responsabile della Scuola Nazionale Cinofila del CISOMI cani, grazie al loro infallibile olfatto, possono identificare gli odori fino a 100.000 volte superiore a quella dell’uomo, riescono a percepire circa mezzo milione di composti odorosi anche se presenti in concentrazioni bassissime impercettibili al naso umano. Grazie a uno straordinario udito captano le onde sonore fino a 40 mila Hertz e sono in grado di ascoltare tra le 35 e le 40 mila vibrazioni al secondo”.

Per la ricerca in superficie, il lavoro delle Unità Cinofile presenta difficoltà che cambiano di continuo in base al tempo che intercorre dall’evento alla chiamata di attivazione, al territorio in cui si deve operare e alle condizioni climatiche. “È il Responsabile delle ricerche, ovvero l’istruttore del gruppo, a guidare le Unità Cinofile. È lui a chiedere informazioni sul disperso e a fare il punto della situazione con la squadra, per poi procedere all’inizio della battuta. – spiega Ilaria RocchettoNella ricerca, usare l’olfatto per un cane è appagante ma costa molta energia e utilizzarlo per tanto tempo stanca. Solitamente un cane lavora fino a quando non viene bonificata l’area. Il conduttore conosce il proprio cane e sa fino a quanto può spingerlo nella ricerca. Tendenzialmente dopo circa 20 minuti cala l’efficienza del cane e deve fare delle pause”.

 

giornata mondiale del cane unità cinofile

REQUISITI DEL BINOMIO CANE/CONDUTTORE

L’aspirante cinofilo deve fare domanda di ingresso al CISOM come volontario[2] e, una volta accolta, inizia la formazione base. Solo allora può inoltrare alla Scuola Nazionale Cinofila la domanda per iniziare l’addestramento, con il proprio cane. Il volontario deve avere tra i 18 ed i 45 anni, una idoneità fisica certificata, assenza di patologie o altro, predisposizione all’attività fisica e adeguate capacità di interazione ed affezione al cane. Per il cane, invece, sono ammessi sia cani di razza che meticci, che non superino i 18 mesi di età, di taglia media, corporatura robusta. Dovrà avere doti caratteriali ben definite quali la socievolezza, la docilità e un buon temperamento, in assenza di questi requisiti non potrà iniziare il percorso di formazione. È richiesta una certificazione medico veterinaria attestante la sana e robusta costituzione, l’iscrizione all’anagrafe canina intestata al conduttore, libretto sanitario con le vaccinazioni obbligatorie aggiornate.

giornata mondiale del cane unità cinofile

NUOVI ORIZZONTI PER LA SCUOLA NAZIONALE CINOFILA DEL CISOM

La Scuola sta crescendo e sta lavorando a nuovi percorsi formativi, con una particolare attenzione all’utilizzo dell’olfatto del cane nella ricerca medica. “È noto da tempo che i cani possono espletare diverse funzioni in ambito medico e siamo certi che i nostri fedeli amici a quattro zampe ci verranno in aiuto anche in questo” conclude Ilaria Rocchetto.

 

[1] Che svolge compiti di primo soccorso sanitario, soccorso tecnico-logistico ed assistenza alla popolazione nell’ambito del sistema nazionale di protezione civile in caso di calamità naturali in Italia e all’estero.

[2] https://www.cisom.org/diventa-un-volontario/

Più informazioni su