Quantcast

Blitz della Finanza, scoperta una serra per coltivare la droga a Lurate: ragazzo in manette foto

E' un ghanese, a lui le fiamme gialle sono arrivate seguendo un forte odore di sostanza stupefacente che usciva dalla sua abitazione.

Un ragazzo ghanese arrestato per coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e diverse piante di marijuana sequestrate. Questo è il
bilancio di un’operazione antidroga effettuata a Lurate Caccivio dai Finanzieri del
Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Como. Operazione portata a termine nella tarda notte di martedì scorso quando le Fiamme Gialle hanno effettuato una
perquisizione all’interno di un’abitazione che fungeva da “base logistica” per la coltivazione
della sostanza stupefacente. Ad insospettire i Baschi Verdi della Compagnia di Como un
forte odore caratteristico di marijuana.

guardia di finanza scoperta serra per produzione droga a lurate caccivio

 

All’interno dell’abitazione, i Finanzieri hanno scoperto una vera e propria serra, creata per
la coltivazione della sostanza stupefacente. Si stima, infatti, che dalle diverse piante
sequestrate (alcune alte fino ad un metro), il responsabile avrebbe raccolto più di un chilo
di marijuana che, immessa sul mercato, avrebbe fruttato circa 10.000 euro. Un sequestro ingente che non ha riguardato solo la droga ma anche tutte le attrezzature e
i prodotti necessari per l’infiorescenza delle piante, tra cui lampade, ventole, strumenti di
pesatura e materiale per il confezionamento. Il ghanese, al termine delle operazioni, è stato tratto in arresto in flagranza di reato dai
militari e trattenuto in caserma in attesa del rito direttissimo che si è concluso con la
condanna alla pena di 1 anno di reclusione e di 2.667 euro di multa,
l’applicazione della sospensione condizionale della pena e la conseguente confisca e
distruzione dello stupefacente e dei beni strumentali alla commissione del reato.

guardia di finanza scoperta serra per produzione droga a lurate caccivio