Quantcast

Il cuore dei Pesi Massimi tra fango, macerie e sfollati:”Aiutiamoli ora, non domani….” fotogallery

Appello di Alessandro Giummo:"Ci siamo presi in carico tre famiglie, i soldi li giriamo subito a loro". Coordinate bancarie ed altri dettagli.

Le storie di CiaoComo in mezzo alla alluvione di due settimane fa. E dopo il reportage di stamane a Laglio (video qui sotto), ecco anche la testimonianza che arriva da chi ha deciso – fin da subito – di rimboccarsi le maniche e dare un aiuto concreto. Pale, secchi e mano d’opera nell’immediato, poi aiuti e concretezza. Vale a dire soldi per chi ha perso tutto.

Casa devastata a Laglio dall'alluvione: i genitori di Gaia sfollati da due settimane

 

https://www.facebook.com/ciaocomo/videos/556232812078667

 

Avviata dai Pesi Massimi Como, lo storico gruppo di tifosi della formazione azzurra, una sottoscrizione per sostenere economicamente tre delle tante famiglie tuttiora sfollate. Una a Blevio, una a Cernobbio (qui sotto il link) ed una a Laglio (video allegato).

 

 

Ale Giummo ed i suoi amici hanno messo da parte ogni cosa in questo peruiodo, anche il Como che è sempre nel loro cuore. Accantonato momentaneamente per dare aiuto a chi è fuori casa. Gaia, figlia della coppia di Laglio salvata dai pompieri (foto qui sotto) dalla casa investita dalle macerie, è la testimonianza concreta di una vicinanza che commuove.

 

Disagi e disastri sull'intero territorio lariano

 

Oggi abbiamo sentito le parole di Gaia e di Alessandro proprio fuori dallo stadio, luogo simbolo per il tifo e per urlare – più forte che mai – la richiesta di aiuto per chi è ancora lontano dalle case. Giummo è categorico:”Vanno aiutati ora, non domani o tra qualche settimana. Loro hanno necessità adesso…”.

 

Se volete dare una mano ai Pesi Massimi Como…….

bonifico bancario presso:
IBAN “ASSOCIAZIONE PESI MASSIMI”
IT06A0307502200CC8500808682
Versamento PayPal presso:
pesi.como@gmail.com
usando l’opzione:”Invia denaro a un amico”

 

La gallery è della casa dei genitori di Gaia, a Laglio, investita in piano dai detriti dell’alluvione del 27 luglio.