Quantcast
Pusiano

Madonna della Neve anche quest’anno in versione ridotta: niente fuochi, ma barche illuminate

Edizione 2021 con limitazioni. Niente punto ristoro e mercatino in paese. Tutto spostato al prossimo anno.

Festa in tono minore, niente fuochi come in passato. E’ il secondo anno di fila che l’evento di Pusiano viene modificato. La nota dell’amministrazione comunale e del comitato organizzatori di seguito.

 

La necessità di gestire la pandemia ci ha obbligato a ridimensionare il nostro calendario di eventi estivi, prevedendo solo eventi di portata ridotta e con pubblico contingentato. Anche il momento più atteso dell’anno – la Festa della Madonna della Neve del 4 agosto – sarà interessato ancora una volta da un ridimensionamento, e dovremo ancora rinunciare allo spettacolo pirotecnico, alle bancarelle, all’area pedonale, poiché queste attività convogliano naturalmente un fiume di spettatori che – negli spazi stretti del borgo e della piazza – creerebbero assembramenti non governabili. Perfino la funzione religiosa a mezzanotte il 4 agosto e il punto ristoro per tutto il 5 agosto presso il Santuario della Madonna della Neve sono rinviate all’anno prossimo.

 

Ma i Pusianesi si attiveranno comunque per onorare la tradizione della festa, molto sentita da tutti: i privati saranno invitati ad illuminare le proprie barche, l’associazione Gli Amici di Santa Maria illuminerà la Chiesa a lago e la Piazza. Già da un paio di giorni sono state messe in acqua la barca con la Madonna illuminata e le zattere illuminate con la rappresentazione dei fiori.  Anche le funzioni religiose al Santuario saranno ridotte: si terranno solo il 5 agosto alle ore 7:30 sarà celebrata da don Luigi dalla parrocchia di Cesana, alle ore 9:00 don Francesco dalla parrocchia di Suello,  alle ore 10:30 don Antonio dalla parrocchia di Pusiano e alle 11.00 don Peppino dalla parrocchia di Bosisio. Al termine delle funzioni si potrà assistere alla nevicata che dà origine alla Festa della Madonna della Neve.

madonna della neve pusiano

Il consueto servizio di trasporto non verrà effettuato, e non si potrà godere del punto ristoro al Santuario. L’accesso al Santuario sarà regolato secondo le norme di prevenzione che impongono distanziamento, mascherine, disinfezione. L’Amministrazione Comunale, la Consulta per la Promozione del Territorio e l’Associazione Santa Maria sono comunque determinate a mantenere accesa la tradizione per i Pusianesi e per i visitatori che arrivano da tutto il circondario, e confidano di poter riattivare tutte le iniziative della Festa dal prossimo anno.

 

commenta