Quantcast

Eccezionale intervento al Sant’Anna: asportazione di un tumore al pancreas per una ragazza

Ha 14 anni, è stata operata ed è tornata a casa. Buone le condizioni. Le parole dei medici protagonisti di questa operazione.

All’ospedale Sant’Anna di San Fermo è stato eseguito, per la prima volta nella storia del presidio, un eccezionale intervento chirurgico pediatrico per l’asportazione di un tumore del pancreas ad una quattordicenne. La ragazzina era stata ricoverata nel reparto di Pediatria, diretto dal dottor Angelo Selicorni, perché lamentava fortissimi dolori allo stomaco. Gli accertamenti eseguiti riscontravano la presenza di un tumore a bassa malignità del pancreas, una rarissima forma di neoplasia che ha un’incidenza tra lo 0,17% e il 2,7% tra i tumori che interessano il pancreas. Da qui la decisione di intervenire chirurgicamente, forti della presenza del nuovo primario della Chirurgia oncologica, il dottor Adelmo Antonucci, specializzato in chirurgia generale e in chirurgia pediatrica.

 

L’indicazione chirurgica, tra l’altro, è curativa nel 100% dei casi. “Il tumore aveva raggiunto una dimensione di dieci centimetri – osserva il dottor Antonucci, che nel corso della sua esperienza ha già eseguito quattro interventi di questo tipo – e questo ha comportato la necessità di asportare sia il pancreas che la milza, poiché quest’ultima non era distaccabile purtroppo dal tumore”. Conclusa la degenza post-operatoria, la ragazzina è stata dimessa nei giorni scorsi. “Vorrei sottolineare l’ottima intesa multidisciplinare e il grande lavoro di èquipe che è stato svolto dai pediatri, dagli anestesisti, dagli anatomo-patologi, dai radiologi e dai chirurghi e dal personale infermieristico” conclude il chirurgo. “Abbiamo lavorato, anche in un periodo condizionato dall’emergenza infettivologica, per potenziare l’assetto chirurgico del network ospedaliero di Asst Lariana. Oggi registriamo i positivi risultati dell’impegno di questa direzione” sottolinea il direttore generale, Fabio Banfi.

 

(Nella foto alcuni componenti dell’èquipe che ha operato la giovane paziente: da sinistra il dottor Daniele Lovotti, chirurgo, la coordinatrice infermieristica del blocco operatorio, Daniela Bordoli, il dottor Adelmo Antonucci, la dottoressa Gigliola Cerutti, anestesista, il dottor Eduardo Castillo Mendoza, chirurgo)