Quantcast

Lomazzo, al via una rassegna dedicata a Dante

Parte il 13 luglio "Dante, Architetto dell'Anima", organizzata da Gruppo Culturale Lomazzo  con l’Assessorato alla Cultura e la Biblioteca Civica

Nella ricorrenza dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, il Gruppo Culturale Lomazzo in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e la Biblioteca Civica di Lomazzo, organizza la rassegna dal titolo “Dante, Architetto dell’Anima”, che si terrà dal 13 luglio al 1 ottobre 2021.

Rassegna su Dante a Lomazzo

GLI APPUNTAMENTI

13 luglio 2021 – ore 21:15
Lomazzo, piazza Brolo San Vito
DANTE IN MUSICA – L’AMOROSO CANTO

I versi danteschi, già musica essi stessi, hanno ispirato le opere di tantissimi compositori. Il musicista Luca Schieppati, docente presso il Conservatorio G. Verdi di Milano, ci guiderà in un percorso attraverso le più importanti composizioni ispirate alla Divina Commedia, in particolare introducendo l’ascolto di “Après une lecture du Dante” di Franz Liszt – capolavoro in cui le suggestioni del poema di Dante si fondono con quelle dell’omonima poesia di Victor Hugo in una complessa costruzione formale intrisa di echi beethoveniani – eseguita da Paolo Ehrenheim, giovane talento del pianoforte pluripremiato in concorsi nazionali e internazionali. Di Liszt verrà anche eseguita la trascrizione per pianoforte solo della Canzone del gondoliere dall’Otello di Rossini, per la quale il Pesarese utilizzò alcuni versi dal Canto V dell’Inferno. Parteciperà alla serata anche il mezzosoprano Elsa Biscari, impegnata nell’interpretazione di una rara e particolarissima romanza ingegnosamente realizzata da Arrigo Boito sovrapponendo l’incipit dell’VIII Canto del Purgatorio all’Abendlied di Robert Schumann, originariamente scritto per pianoforte a quattro mani.

Rassegna su Dante a Lomazzo

28 luglio 2021 – ore 21:15
Lomazzo, piazza Brolo San Vito
DANTE E L’ARTE – PIGLIARE OCCHI PER AVER LA MENTE

La prof.ssa Laura Pasquini, docente e storica dell’arte medievale presso l’Università di Bologna, terrà la conferenza dal titolo “Pigliare occhi, per aver la mente” – Dante, la Commedia e le arti figurative sul “rapporto tra Dante e le arti figurative, non tuttavia come la Commedia è stata nel tempo illustrata, bensì quali potrebbero essere le rappresentazioni figurative che favorirono certe immagini poetiche del testo dantesco”. In altre parole, “ciò che Dante ha visto, le opere d’arte che carpirono la sua attenzione dalle quali, come dai testi letterari, poté trarre ispirazione per la composizione della Divina Commedia”.

Rassegna su Dante a Lomazzo

3 agosto 2021 – ore 21:00
Lomazzo, Area feste di via Cavour 2
DANTE E LA CULTURA ITALIANA – DANTE NOSTRO PADRE

Marcello Veneziani, giornalista, scrittore e filosofo, presenterà il suo ultimo saggio dal titolo “DANTE NOSTRO PADRE – Il pensatore visionario che fondò l’Italia”, “un’antologia critica delle pagine in prosa di Dante che racchiudono la sua concezione del mondo e svelano il suo pensiero su temi a lui cari come l’amore, la patria, la sapienza, la lingua, la politica. In particolare, viene disegnato il ritratto di un uomo irriducibile alla modernità e all’attualità, profeta del futuro e dell’Italia risorgimentale, critico del suo presente, che vedeva come la corruzione dello spirito medievale”. Il ritratto di Dante affrescato da Veneziani, restituisce “una figura di pensatore religioso e civile, meno conosciuto di quello studiato a scuola o appreso attraverso la critica letteraria; un Dante più controverso, iniziato ai misteri e nostalgico dell’Impero, lacerato dal conflitto con Firenze, tra invettive e rimpianti”.

Rassegna su Dante a Lomazzo

18 settembre 2021 – ore 20:45
Lomazzo, piazza Brolo San Vito
DANTE E LA TEOLOGIA – DANTE MAESTRO DI PREGHIERA
.
Mons. Marco Ballarini, è prefetto della Veneranda Biblioteca Ambrosiana dal 2018. Dal 1994 appartiene al Collegio dei Dottori della Veneranda Biblioteca, dove dirige la Classe di Italianistica dell’Accademia.È docente di Teologia della Letteratura alla Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale ed è tra i promotori delle Conversazioni Dantesche in Ambrosiana, nate in collaborazione con le Università di Milano, Cattolica e Statale. In “Dante, Maestro di Preghiera”, mons. Ballarini tratterà un aspetto del poema non molto conosciuto: non tanto la preghiera in Dante, ma Dante come guida di preghiera. E’ lo stesso poeta a dire che dopo aver letto del suo percorso, molti sapranno come meglio pregare. Mettersi a pregare vuol dire mettersi in cammino verso Dio e abbandonare tutto quello che ci tiene lontano da Lui. Il viaggio di Dante racconta la liberazione dell’anima, la redenzione dal peccato e l’esodo dell’anima stessa da questo mondo verso la dimora definitiva. Il fine ultimo della Divina Commedia è il passaggio dalla tristezza del peccato alla felicità della grazia. E’ il cammino di liberazione da quella schiavitù definitiva, grazie alla traversata del deserto della purificazione, il Purgatorio, fino alla liberazione definitiva dell’incontro dell’uomo con Dio nel Paradiso.

La rassegna di Lomazzo terminerà il 29, 30 settembre e il 1 ottobre con il DANTE FESTIVAL, durante il quale le scuole celebreranno il sommo poeta.