Quantcast

Lomazzo, posata la prima pietra della nuova sede CRI fotogallery

Si è tenuta questa mattina, 10 luglio 2021, la posa della prima pietra della nuova sede CRI di Lomazzo. Le immagini e i video della cerimonia

È davvero una giornata storica per Lomazzo, una di quelle che la cittadina comasca ricorderà a lungo: questa mattina, infatti, 10 luglio 2021, si è tenuta la cerimonia con la posa della prima pietra della nuova sede di Croce Rossa Italiana, alla presenza di molti volontari di CRI, giornalisti e autorità, tra cui il sindaco di Lomazzo Giovanni Rusconi, il presidente CRI Lomazzo Paolo Rusconi e il presidente del Consiglio Regionale Lombardia Alessandro Fermi, che ha voluto ringraziare il personale di Croce Rossa per l’impegno, la devozione e il lavoro svolto quotidianamente a fianco dei cittadini.

Lomazzo, posata la prima pietra della sede CRI

«Dopo un anno e mezzo così duro e complicato verrebbe umanamente la voglia di rallentare un attimo – ha dichiarato il presidente Fermi – ma siamo qui, oggi, per porre una prima pietra significativa, un primo passo verso il futuro. In questi mesi difficili si è lavorato per il futuro, per continuare a portare avanti quell’attività straordinaria che rende grande la nostra Regione e il nostro territorio e che non è fatta dalle istituzioni, che hanno il compito di dare una mano e fornire investimenti, ma da ognuno di voi volontari. Questo ci fa capire che la Lombardia sarà sempre un traino dal punto di vista sociale. Il polmone socio-sanitario è fondato sul volontariato, sul fatto che, dopo tanta sofferenza e e fatica siamo ancora qui, forti, con questa prima pietra, a parlare di futuro».

«Desideriamo portare qui una serie di servizi a favore della collettività – ha detto durante la cerimonia il presidente Paolo Rusconi – riportare al centro del paese la guardia medica e da qui partire con una serie di buove iniziative. Il periodo è particolarmente difficile, ma siamo riusciti a portare avanti questo importantissimo progetto e oggi, di fronte alla nostra nuova casa, possiamo condividere con tutti voi questo momento».