Quantcast

“Weplanet un pianeta di plastica” in esposizione a Palazzo Terragni foto

L’opera “Dry Jourt – Un pianeta di plastica” voluta e realizzata da Fondazione Volta con la creatività dagli artisti comaschi Evelina Maralla, Pietro Turati, Edoardo Brambilla e Luca Metta sarà esposta nell’atrio di Palazzo Terragni da ieri, 26 giugno, al 4 luglio. Orari di visita: dal 26 giugno al 2 luglio dalle ore 15.00 alle ore 17.00; dal 3 al 4 luglio dalle ore 10.00 alle ore 12.00.

Ingresso gratuito, su prenotazione al link: https://reservo.me/fondazionealessandrovolta/).

 

L’opera, in prima visione per Como, fa parte della mostra “Weplanet-100 globi per un futuro sostenibile” che si svolgerà dal 27 agosto al 7 novembre 2021 nelle principali vie e piazze di Milano.

Le opere sono state realizzate da enti ed istituzioni il cui logo compare sulla targa posizionata alla base di ogni globo, insieme al titolo, al nome dell’autore e all’impegno sostenibile dell’azienda. Per Fondazione Volta l’impegno sostenibile è “Alessandro Volta, da Como energia per la terra”.

Terminata l’iniziativa, i globi saranno battuti ad un’asta benefica organizzata da Sotheby’s  e il ricavato  sarà devoluto a ForestaMi, in particolare all’Associazione Parco Segantini Onlus, all’Ospedale Niguarda e alla Fondazione Umberto Veronesi per la ricerca scientifica d’eccellenza contro i tumori, e alla Fondazione Arca Onlus che opera a sostegno dei poveri per l’assistenza e l’ integrazione.

wepalnet fondazione alessandro volta

“Siamo entusiasti della partecipazione di Fondazione Alessandro Volta alla nostra iniziativa focalizzata nel divulgare idee e valori condivisi sul futuro del nostro pianeta” – dichiara Paolo Casserà, CEO Weplanet.

 Da non perdere, il convegno del 27 giugno alle 15, sempre a Palazzo Terragni, e organizzato con il festival EcolarioCome rendere concreta la moda sostenibile”.

Relatori saranno: dott. Raffaele Cattaneo (Assessore Clima ed Ambiente, Regione Lombardia), dott. Fulvio Alvisi (Ass. Ital. Disegnatori Tessili, ConfartigianatoComo, Acc. Galli – IED), prof. Gianluigi Broggini (Università degli Studi dell’Insubria), dott.ssa Francesca Foschi (Università degli Studi dell’Insubria), prof.ssa Barbara Pozzo (Università degli Studi dell’Insubria), dott. Giorgio Penati (Presidente Centro Tessile Serico). Modererà la dott.ssa Costanza Ferrarini.

L’evento su prenotazione, all’ingresso di Palazzo Terragni il pubblico dovrà comunicare nominativo e codice fiscale (che resterà poi agli atti della Guardia di Finanza).

Ingresso gratuito prenotazione obbligatoria al link: https://www.ecolariocomo.com/event-details/conferenza-la-moda-sostenibile

fondazione volta weplanet

Aderire e presentare in anteprima a Como un evento nazionale, al fianco di importanti istituzioni ed enti, è dimostrazione di quanto il nostro territorio possa essere punto di riferimento anche in tema di sensibilizzazione al sostenibile. Ricordo perfettamente le mucche esposte a Milano nel 2007 in una mostra diffusa. Sapere che tra poche settimane ci sarà una iniziativa analoga con globi terresti per educare all’amore per il nostro pianeta, e che sarà presente anche una nostra opera ne è dimostrazione. Volta, Como, Energia e Terra sono le parole della breve frase di impegno sostenibile che abbiamo scelto in accompagnamento al nostro globo. – Dichiara Luca Levrini, presidente di Fondazione Volta – Un messaggio che vuole portare il valore del nostro territorio e parte della nostra identità nell’ambito di un importante evento a Milano. Una identità nuova che, partendo dal passato, ci invita ad un futuro come protagonisti della cultura energetica sostenibile; Volta amava la natura, la leggeva e la interpretava per apprezzarne la perfezione, trarne la giusta ispirazione affinché il suo genio potesse esprimersi. Un amore fatto di rispetto e conoscenza verso la natura, per dare e non togliere. Da molti definito come filosofo naturale, oggi potrebbe essere pioniere del sostenibile. Il globo non è quindi di Fondazione Volta, ma di tutta la città e di tutti i soci che la sostengono; Como sarà dunque presente a Milano per partecipare ad un progetto di arte diffusa, un museo all’aperto che valorizzerà gli spazi pubblici e che porterà riflessioni sul nostro responsabile rapporto con la natura. Il globo comasco si illuminerà dall’interno durante la notte grazie a batterie alimentate dalla luce del sole; una doppia luce che dimostra quanto il genio di Volta ancora oggi permetta, con le batterie, di replicare parte della natura”.

La manifestazione”Weplanet-100 globi per un futuro sostenibile” è organizzata da Weplanet Srl per sensibilizzare e raccogliere fondi a favore dell’ambiente e della salute dei cittadini contribuendo al raggiungimento dei 17 Global Goals delle Nazioni Unite (SDGs -Nazioni Unite). E’ patrocinata da Comune di Milano, Regione Lombardia, Ministero dell’Ambiente e da altre importanti istituzioni locali e nazionali.

Il progetto è di Paolo Casserà (CEO di Weplanet) con il coordinamento di Beatrice Mosca, curatrice di mostre museali e di eventi artistici e culturali, anima dell’Associazione Via della Spiga, che insieme realizzarono la “Cow Parade Milano 2007” che ebbe un enorme successo.

Tutte le news sull’evento e informazioni su partner e sponsor sono disponibili sul sito www.weplanet.it

“Weplanet-100 globi per un futuro sostenibile” è certificato secondo lo standard internazionale per