Quantcast

Come diventare NCC

Qual è il percorso da intraprendere se si è interessati a diventare NCC? Per scoprirlo abbiamo posto questa domanda a dei veri esperti: quelli di NCC Milano

Più informazioni su

Qual è il percorso da intraprendere se si è interessati a diventare NCC? Per scoprirlo abbiamo posto questa domanda a dei veri esperti: quelli di NCC Milano.

Di che cosa si occupano gli autisti che sono impiegati in qualità di NCC?

In buona sostanza la loro mansione è quella di accompagnare da un luogo a un altro persone o gruppi di persone. Il servizio di NCC può essere scelto e utilizzato da varie tipologie di utenti: per esempio da coloro che vogliono spostarsi su un mezzo di trasporto esclusivo, magari perché desiderano la massima discrezione e una buona dose di privacy; ma anche dai liberi professionisti e dalle aziende che devono provvedere allo spostamento di personale o a servizi di rappresentanza. Gli impegni e le trasferte di lavoro rappresentano una quota significativa, ma ci sono anche turisti che si avvalgono della formula del noleggio con conducente: con un autista privato, infatti, hanno la possibilità di visitare qualsiasi luogo in maniera spensierata e nel più completo relax, non dovendo dipendere dai mezzi di trasporto pubblici.

Quali sono i vantaggi offerti dal noleggio con conducente?

Si pensi proprio a ciò che avviene quando si usano i mezzi pubblici: prima di tutto sono spesso affollati, il che può essere sinonimo di scarsa praticità o di comfort ridotto. Inoltre prevedono degli orari rigidi che, per altro, a volte non vengono rispettati per colpa dei ritardi. Ebbene, tutti questi inconvenienti vengono meno se ci si affida a un servizio di NCC. Esso, non a caso, può essere usato anche da chi deve raggiungere una stazione ferroviaria, un porto o un aeroporto e ha bisogno di un passaggio. La comodità della formula va individuata nella possibilità di prenotare in anticipo; e inoltre si sa già quel che si andrà a spendere, dato che la tariffa viene stabilita in anticipo, a prescindere dalle condizioni del traffico che si incontreranno.

Che cosa è necessario per fare gli autisti di un veicolo NCC?

Un autista deve essere una persona molto preparata e altrettanto cordiale, capace di esprimersi in un corretto italiano ma anche di conversare con i passeggeri provenienti da altri Paesi usando una o più lingue straniere. Inoltre, deve indossare una divisa di rappresentanza, composta da un abito scuro con la cravatta e la camicia. L’attitudine svolge un ruolo di fondamentale importanza, dal momento che si sta parlando di una mansione per la quale il rapporto con la clientela è tutto, o quasi. Occorre sempre tener presente che i clienti si attendono un servizio perfetto sotto tutti i punti di vista; ecco perché gli autisti NCC devono saper coniugare la cortesia e l’educazione con un approccio discreto. Va bene conversare, ma a condizione che il cliente non venga infastidito o addirittura messo in imbarazzo.

Ci sono altri aspetti che è necessario conoscere?

Ovviamente gli autisti del noleggio con conducente devono essere il più possibile puntuali, attenersi scrupolosamente alle norme del Codice della Strada e saper tenere la situazione sempre sotto controllo. Una volta conseguita l’autorizzazione NCC, per cominciare a lavorare occorre avere a disposizione un veicolo; chi lavora come indipendente si metterà alla guida di un’auto di proprietà, mentre chi lavora da dipendente sarà al volante di uno dei veicoli che compongono il parco macchine della sua azienda. In qualità di dipendenti non serve aprire la partita Iva, che invece è necessaria se si è titolari di un’attività. Il guadagno non può essere definito a priori; in genere un dipendente ha una retribuzione che va da un minimo di 1.500 euro a un massimo di 2.500 euro al mese.

Che differenza c’è tra fare il tassista ed essere un autista NCC?

In linea di massima gli autisti NCC possono lavorare a tutte le ore del giorno: non hanno orari. Viceversa, i tassisti non tenuti a rispettare dei turni predefiniti e al di fuori dei turni non possono far salire in macchina nessuno. Inoltre, in un taxi è in funzione il tassametro, ed è questo il motivo per il quale non si può sapere prima quanto si dovrà pagare. Viceversa la spesa viene definita in maniera preventiva nel caso del servizio di noleggio con conducente.

Più informazioni su