Quantcast

Un professionista in grado di tutelare i diritti dei lavoratori

Tra le moderne occupazioni, con grandi margini di crescita, si può inserire sicuramente l’avvocato del lavoro. Un soggetto esperto nella tutela di quei lavoratori che si trovano ad affrontare una controversia avente ad oggetto i suoi diritti ma anche abile nell’offrire consulenze alle aziende su molteplici tematiche. Una persona dotata di una profonda conoscenza multidisciplinare. Le nozioni acquisite in tanti anni di duro studio riguardano il diritto civile, il diritto del lavoro, il diritto amministrativo e la procedura civile. Molte volte, le controversie di cui si occupa l’avvocato del lavoro Como, così come nelle altre città d’Italia, vedono fronteggiarsi da un lato dipendenti oppure ex dipendenti che lamentano un licenziamento ingiusto oppure interi stipendi non pagati da parte dell’imprenditore, dall’altro lato, i titolari delle aziende pronti a fornire le prove della legittimità del loro operato. Potrebbe anche trattarsi di situazioni altamente lesive della dignità individuale come nel caso di trattamenti discriminatori o di mobbing. Le conoscenze del difensore devono essere costantemente aggiornate in quanto la materia del lavoro è soggetta a continue variazioni introdotte dal legislatore nazionale oppure dalle prassi aziendali.

I vari step da superare per diventare un avvocato del lavoro

Il grandioso risultato finale è il prodotto di una serie di fattori determinanti come la passione sconfinata, un duro lavoro mentale per una piena comprensione del diritto positivo e una dedizione che non conosce ferie. Questi aspetti personali devono essere accompagnati da un diploma di laurea magistrale in scienze giuridiche conseguito legalmente e da un successivo tirocinio formativo di almeno 18 mesi presso uno studio legale. L’intento non troppo celato è quello di fondere la teoria con la pratica. L’ultimo step del percorso di formazione è rappresentato dal superamento dell’esame di abilitazione alla professione legale. La seduta d’esame per gli aspiranti difensori si tiene con cadenza annuale. Per chi abbia deciso di puntare tutto sulla tutela dei lavoratori, è consigliabile svolgere il periodo di pratica forense presso uno studio che si occupi soprattutto di controversie di lavoro in modo tale da acquisire le conoscenze giuridiche e l’esperienza necessarie per il futuro.

Le principali problematiche affrontate dall’avvocato del lavoro durante l’esercizio della professione.

L’avvocato del lavoro è un professionista capace di dirimere quelle controversie sorte negli ambienti lavorativi, a volte, tutelando gli interessi del dipendente, altre volte, facendo osservare il rispetto degli obblighi assunti dal datore con la sottoscrizione del contratto. La finalità è quella di rintracciare un punto di equilibrio tra interessi contrapposti. Potrebbe trattarsi di ragioni legate all’aspetto economico, al mancato rispetto dei comportamenti aziendali oppure alla violazione dei requisiti fissati per la nascita o per la chiusura del rapporto lavorativo come nel caso di licenziamento ingiusto. Si tratta di difensori molto particolari che si battono senza tregua per la sicurezza sul lavoro e per la prevenzione degli infortuni in quanto ritengono fermamente che l’integrità psicofisica delle persone venga sempre prima di qualsiasi considerazione sul profitto aziendale. Essi credono nella completa attuazione dei valori racchiusi nella Costituzione repubblicana e nei diritti fondamentali della persona riconosciuti a livello internazionale.