Quantcast

I possibili futuri scenari del mercato dei Bitcoin

Più informazioni su

Per iniziare a capire gli scenari futuri possibili del mercato Bitcoin, è necessario comprendere il concetto di criptovalute. Non sono un tipo di moneta o una valuta internazionale, come il dollaro, o l’euro. Le criptovalute sono mezzi di scambio che hanno un valore unico e, quasi, esclusivamente nei media digitali, cioè nelle transazioni internet.

Bitcoin è la criptovaluta più conosciuta, in quanto è stata la prima ad essere creata nel 2009 con la promessa di essere un sistema bancario gratuito, decentralizzato e senza intermediari. Le transazioni che utilizzano Bitcoin vengono convalidate dagli stessi utenti della rete e registrate in una sorta di set di database distribuito chiamato blockchain. Questo è, in pratica, il valore della moneta per tutti e per nessuno allo stesso tempo. Ovviamente, Bitcoin non è l’unica criptovaluta esistente. Infatti, grazie alla sua popolarità, ne sono emerse altre, come, ad esempio, Ethereum e Litecoin.

Nel complesso, quindi, vi sono numerose criptovalute che circolano nel mercato virtuale. I sistemi di criptovaluta hanno differenze tra loro Tra le loro caratteristiche principali vi è il decentramento del controllo. Difatti, non esiste un organismo che regoli le criptovalute.

Coloro che hanno più peso nel cambiare i loro valori sono gli utenti che detengono importi maggiori e, perciò, possono causare gli effetti di un calo o di un aumento del loro prezzo. Proprio a causa della libertà di movimento, il potere è nelle mani di coloro che possiedono più Bitcoin. In Borsa, ad esempio, alle società è vietato utilizzare informazioni privilegiate o prendere iniziative che potrebbero deliberatamente causare variazioni nel prezzo delle azioni negoziate. Con le criptovalute, questo divieto non esiste.

Il portafoglio è lo stoccaggio del denaro virtuale. Si basa esclusivamente ed unicamente su chiavi private, che sono simili al codice che protegge le transazioni. Bitcoin loophole è infallibile.

Il Bitcoin, dunque, non è collegato a una persona, ma legato a una chiave. Tanto che questa valuta è, alle volte, anche utilizzata nel cosiddetto Deep Web, ovvero quella parte di internet utilizzata per condividere e ospitare file sensibili e spesso teatro di crimini informatici. Per diverse persone, non vi è dubbio che Bitcoin e le altre criptovalute abbiano reso più facile la vita ai criminali.

In estrema sintesi, il fatto che le transazioni possano essere effettuate in modo anonimo senza alcuna tracciabilità e, perciò, completamente al di fuori delle funzioni di controllo di un normale sistema finanziario, ha reso le criptovalute popolari tra i criminali. Un giudizio che, seppure giustificabile, appare fin troppo semplicistico. L’argomentazione secondo cui il Bitcoin rappresenterebbe una minaccia per le banche ordinarie e supererebbe la concorrenza, in sintesi, è un malinteso.

Non ci sono barriere teoriche per le banche ordinarie per offrire conti, prestiti e altri servizi bancari in Bitcoin esattamente come fanno già per tutte le altre valute. In effetti, un tale sviluppo non è impossibile in futuro se le criptovalute crescono per diventare più diffuse e utilizzate da gruppi più ampi nella società. All’inizio, il coinvolgimento del settore bancario nel mercato delle criptovalute sarà probabilmente preferibilmente sull’offerta di prodotti di investimento in criptovaluta.

Una minaccia per il Bitcoin, invece, deriva dal fatto che gli stati hanno a lungo creduto di avere il monopolio di fare soldi. Si potrebbe, pertanto, fortemente sospettare che gli Stati non siano affatto favorevoli a rinunciare ai loro monopoli valutari a favore di nuove valute digitali che non controllano.

Ciò che fondamentalmente governa questo sviluppo è la domanda dei clienti e la velocità con cui vengono appianati i restanti punti interrogativi legali sulle criptovalute. Dato che i mercati delle criptovalute continuano a crescere, andando a concludere, è ovvio che, prima o poi, nasca una crescente necessità di regolarli.

Più informazioni su