Quantcast

Seconda dose del vaccino in vacanza: più no che si, ma si tratta per un accordo tra regioni foto

Fontana, al momento, è categorico:"Si deve rientrare per la somministrazione". Si cerca un accordo, ma è complesso.

Niente richiamo del vaccino nei luoghi di villeggiatura italiani. L’ipotesi, circolata con insistenza nei giorni scorsi, stroncata da tutto ad iniziare dal generale Figliuolo. «Per la seconda dose i lombardi dovranno rientrare dalle ferie oppure posticiparle a seconda del richiamo», ha dichiarato il governatore lombardo Attilio Fontana. «Nel nostro piano vaccinale – ha poi spiegato – abbiamo cercato di mettere pochissimi richiami nelle due settimane centrali di agosto. E quando facciamo il vaccino cerchiamo di chiedere se si è presenti e si cerca di accontentare le persone anticipando o posticipando di qualche giorno». La flessibilità c’è: «Se si rientra nei parametri consentiti si cerca di dare questa opportunità. Sia chiaro, non è una garanzia, ma una possibilità che cerchiamo di concedere».

vaccinazione over 80 primo giorno ex sant'anna di camerlata

Anche l’assessore al Welfare Letizia Moratti conferma che il richiamo in vacanza «è complesso». E ha ricordato che il commissario per l’emergenza Figliolo ha ammesso «che, per il momento, non è possibile». Il richiamo per i quarantenni, che riceveranno in prevalenza la prima puntura tra il 10 e il 17 giugno, andrà dopo il 15 luglio. E per coloro che si prenotano da adesso in poi (i trentenni da giovedì e dal 2 giugno dai 16 ai 29 anni) il richiamo slitterà via via nella stagione clou delle vacanze: il portale dal quale si effettuano le adesioni fornisce una finestra temporale di quando sarà fissato, ovviamente in base al siero iniettato.

 

Ora la Lombardia sta lavorando a un protocollo con altre Regioni: il piano, annunciato sabato dai governatori Alberto Cirio e Giovanni Toti, disponibili a immunizzare i turisti che soggiornano almeno una settimana sulle montagne piemontesi e sulla costa ligure, potrebbe valere anche per i lombardi. Ma occorre innanzitutto l’ok di Figliuolo, che al momento non è arrivato.