Quantcast

A Lomazzo parte la sfida del futuro: costruttori di salute, una nuova sede per la Cri foto

Evento in Comune in diretta streaming, molti gli interventi qualificati. Il rendering

Il 2020 è stato un anno impegnativo, un anno che ha richiesto un impegno costante da parte di tutta la comunità per affrontare l’emergenza Covid-19. Da più di un anno a questa parte, Croce Rossa Lomazzo, con i suoi operatori, è al servizio della comunità territoriale, senza sosta, con perseveranza e dedizione. Ma CRI Lomazzo, nonostante la situazione, non si ferma e rilancia con ancora più forza il proprio impegno per la comunità con un nuovo importante progetto.

L’impresa storica che CRI Lomazzo sta per affrontare guarda al futuro e alla ripartenza della comunità: costruire la nuova sede! Una sede dal valore di oltre 2 milioni di euro e che verrà realizzata a Lomazzo, in via dello sport, su una superficie di 5.000 metri quadrati. Una sede che, proprio per il ruolo che rappresenterà per la salute del territorio, prenderà il nome “Cuore della salute”.

 

Proprio oggi, nella giornata mondiale dedicata alla Croce Rossa, il Comitato di Lomazzo ha condiviso con la comunità la sfida epocale intrapresa e che prende il nome “Costruttori di salute-Una nuova sede per CRI Lomazzo”. All’evento, realizzato presso la Sala Consiliare del Municipio di Lomazzo e in diretta streaming, hanno presenziato diverse istituzioni, autorità e imprese del territorio, tutte accomunate da desiderio di investire sulla salute del territorio.

 

Diversi i contributi portati dai presenti in sala; ad aprire la mattinata il Presidente di Croce Rossa Comitato di Lomazzo, Paolo Rusconi che ha sottolineato il ruolo cruciale che la realizzazione della nuova sede eserciterà nella comunità: “la costruzione della nuova sede è un’impresa storica. Finalmente avremo a disposizione una sede adeguata a rispondere alle esigenze dell’intero territorio della bassa comasca, che avrà un beneficio diretto dalla creazione di un nuovo ed efficiente polo sanitario. Proprio per la grandiosità del progetto sentiamo l’esigenza della vicinanza di una comunità come la nostra”. A seguire le parole del Sindaco di Lomazzo “oggi per l’amministrazione è una giornata storica per CRI Lomazzo, è l’avvio di un progetto unico in cui noi crediamo fortemente anche per tutto ciò che CRI ha fatto in questi anni e durante l’emergenza Covid-19 per il nostro territorio”, a queste si aggiunge l’intervento dell’Onorevole Chiara Braga “questo è un progetto che affonda le sue radici nel territorio, la concretizzazione di quello che sarà un grande punto di riferimento per tutta la comunità, un centro di solidarietà e generosità”. Anche se a distanza, significativo il messaggio del presidente del Consiglio Regionale Fermi che evidenzia il ruolo che la nuova sede occuperà per la salute del territorio “dopo un anno e mezzo di difficoltà questo progetto rappresenta un respiro positivo, un progetto che guarda al futuro, investendo sulla salute”.

Il Presidente della BCC di Cantù, Angelo Porro, descrive un’importante iniziativa nata per promuovere il progetto di costruzione della nuova sede: “abbiamo creduto fin da subito nel progetto di CRI Lomazzo, per questo, con la realizzazione della campagna Raddoppia la salute ogni donazione fatta per la nuova sede verrà raddoppiata da BCC, perché i grandi progetti si possono realizzare solo assieme”. L’intervento dell’Amministratore Delegato di Seco Tools, Davide Pozzi, consente di disporre della voce della realtà aziendale del territorio: “la nostra azienda crede da tempo in CRI Lomazzo, quando abbiamo conosciuto questo progetto non abbiamo esitato a fare un investimento, per il futuro e per la salute del nostro territorio”.

 

A dar voce ancora al mondo delle imprese si aggiunge l’intervento del Prof. Enrico Lironi, Presidente di Como Next “crediamo molto in questo progetto e nella centralità che assumerà per la nostra comunità, per questo faremo in modo di sensibilizzare le nostre realtà sulla sua importanza”, Per il mondo cooperativo, il contributo di Mauro Frangi, presidente di Confcooperative Insubria mette in luce ulteriori peculiarità dell’impresa “parliamo di un investimento sulla salute partendo dal basso, partendo dal coinvolgimento di tutta la comunità, è la coesione sociale che può consentire di raggiungere obiettivi importanti”. Ancora, dal mondo delle associazioni a portare il proprio contributo il Rotary Lomazzo per voce del Presidente Federico Faggioni “Croce Rossa Lomazzo si occupa della salute dei cittadini in modo globale, in questo senso la nuova sede diviene essenziale per rispondere a esigenze in continuo cambiamento”.

Altro intervento a distanza quello del Presidente Csv Insubria, Luigi Colzani, che evidenzia come “costruire una nuova sede non è una questione di costruire muri, ma di costruire salute, comunità, società”. A conclusione, Aurelio Valenti, il responsabile tecnico di Quadrio Costruzioni, impresa ingaggiata per la costruzione della sede, presenta il progetto che si caratterizza per innovatività, design e attenzione all’impatto ambientale.

presentazione nuova sede cri lomazzo rendering

L’impresa, dunque, è storica e per essere realizzata richiede il contributo e il supporto di tutti. Aderendo alla campagna “Raddoppia la salute”, sarà possibile contribuire al raggiungimento dell’obiettivo finale: ogni donazione, fatta tramite bonifico su IBAN IT76X0843051460000000212830 intestato a “La Salute del territorio – nuova sede CRI Lomazzo, verrà raddoppiata da Bcc Cantù, fino al raggiungimento dell’importo concordato.

 

Chiunque aderirà entrerà così a far parte della squadra dei “Costruttori di salute”, poiché solo assieme è possibile dare forma al futuro. Per informazioni in merito alla campagna e all’avanzamento del progetto di costruzione della nuova sede è possibile visitare il sito ilcuoredellasalute.crilomazzo.org,