Quantcast

Due virus: Covid e razzismo e in mezzo un omicidio. In uscita il nuovo libro di Aldo Pagano “Caramelle dai conosciuti”

Più informazioni su

“Mai caramelle dagli sconosciuti”, una frase che tutte le ragazze si sono sentite ripetere dalle proprie madri, probabilmente anche il sostituto procuratore Emma Bonsanti, nonostante con la sua ingombrante  madre il rapporto fosse tutt’altro che semplice. Ma nel nuovo libro di Aldo Pagano ,“Caramelle dai conosciuti” (Piemme ed.), in libreria dall’11 maggio, il magistrato si trova di fronte ad una vittima ben diversa dalla giovane preda di un orco. Matteo Cardone, trovato sgozzato in un edificio del quartiere più degradato di Bari, è un uomo difficile da collocare. Un benefattore, per alcuni, un fascista, razzista e pure violento, per altri, tra cui sarebbe facile annoverare anche la stessa Emma, se non fosse che è stato ammazzato brutalmente e tocca mettere da parte i pregiudizi e rimangiarsi le facili sentenze.

È un fresco mattino di fine maggio, il virus è arrivato da tre mesi, ha costretto gli italiani nelle casa e solo da qualche giorno sono liberi di incontrare chi vogliano, ma con l’ansia che comporta tornare in strada correndo il rischio di ammalarsi. Spenta l’ennesima Camel, Emma scende dall’auto di servizio e si appresa a visionare la scena del delitto.

Dopo aver “rovistato” nell’ipocrisia della buona società cittadina nel precedente “Motivi di famiglia” (Piemme ed. 2019), torna Emma Bonsanti, il sostituto procuratore creato dallo scritore siciliano, ma comasco da diversi anni, Aldo Pagano, per il suo romanzo d’esordio “La troppola dei ricordi”, uscito nel 2016 e rieditato tre anni dopo sempre da Piemme. Anche in questo terzo capitolo della serie noir ambientata a Bari, il caso tocca da vicino la Bonsanti che dovrà districare la matassa aggrovigliata dell’indagine con l’aiuto del suo collaboratore Michele Lorusso. Spetterà a lei frugare tra gli indizi e raschiare il fondo più abietto della ferocia.

Aldo Pagano, nato a Palermo nel 1966, ha vissuto a lungo a Roma, Bari, Milano e, ora a Como. Ex giornalista ed ex sommelier, fra le tante altre cose che ha fatto gli piace ricordare gli anni nelle pubbliche relazioni e il lancio di un fichissimo chiosco da spiaggia. “Caramelle dai conosciuti” è ambientato nella primavera 2020 che il virus ha reso diversa da tutte quelle che l’hanno preceduta, Un’occasione per analzzare il momento storico che stiamo vivendo in cui il Covid ha fatto emergere fragilità inaspettate, ma anche tante risorse di coraggio, di solidarietà come mai prima.

Attraverso il personaggio di Emma Bonsanti, una donna che si porta appresso un bagaglio pesante colmo di esperienze professionali e vicissitudini personali, Pagano indaga la società odierna, ed in particolare la difficoltà nell’accettare l’altro, cercando di andare al di là dei preconcetti e delle facili verità dell’una o dell’altra fazione.

Due virus: Covid e razzismo”, è il primo pensiero di  Emma Bonsanti davanti al fatiscente edificio scena del crimine, dove qualcuno ha scritto con lo spray “Basta negri, prima gli italiani”

 

CARAMELLE DAI CONOSCIUTI

di 

Aldo Pagano

(Piemme, pagg 320, euro 19.50 – in libreria dall’11 maggio 2021)

Più informazioni su