Quantcast

Una strage di patenti su strade ed autolaghi: 55 appiedati subito, due oltre i 200 km/h! foto

Controlli serrati degli agenti e sanzioni a raffica. Tantissimi restano senza documento di guida.

Tante sorprese – e multe a raffica – nei controlli sulle strade della provincia (ma anche sull’autostrada A9) nei giorni scorsi dalla Polizia Stradale di Como. Ha partecipato al servizio Campagna Roadpol Speed, servizio mirato all’osservanza dei limiti di velocità, controlli che rientrano tra le iniziative intraprese a livello Europeo. Sono state impiegate le apparecchiature speciali “autovelox 106 Premium” e “telelaser Trucam HD”. I servizi effettuati sia sulle autostradale che nella viabilità ordinaria del territorio hanno ottenuto i seguenti risultati:

• 44 violazioni dell’art.142/8° C.d.S (velocità di oltre 10 Km/h e non oltre 40Km/h) di cui 37 Italiani e 7 esteri (violazione che comporta una sanzione amministrativa di 173,00- riduzione entro 5 giorni a 121,10 e la decurtazione di punti 3);

• 44 violazioni dell’art.142/9°( velocità di oltre 40 Km/h e non oltre 60 Km/h) di cui 34 italiani e 10 esteri con immediato ritiro del documento di guida (successiva sospensione o inibizione sul territorio nazionale deciso dalla Prefettura da 1 a 3 mesi) con sanzione di 543,00 (non è prevista la riduzione entro 5 giorni) e la decurtazione 6 punti;

• 11 violazioni dell’art.142/9°BIS ( velocità di oltre 60 Km/h) di cui 5 italiani e 6 esteri con immediato ritiro del documento di guida (successiva sospensione o inibizione sul territorio nazionale deciso dalla Prefettura da 6 a 12 mesi) con sanzione di 845,00 (non è prevista la riduzione entro 5 giorni) e la decurtazione di punti 10. In particolare è stato riscontrata una velocità molto superiore al consentito ad un conducente estero che procedeva ad una velocità di Km/h 235 e ad un cittadino italiano che procedeva ad una velocità di Km/h 236, entrambi su tratti dell’autostrada. Gli agenti sono riusciti ad intercettarli non senza problemi e con laiuto dei lampeggianti.

Si precisa che le sanzioni che hanno riguardato autovetture con immatricolazione estera sono state immediatamente liquidate dagli interessati grazie alle apparecchiature POS ora in dotazione alle pattuglie della Polizia Stradale; in caso di sanzioni non riscosse immediatamente è invece previsto il fermo amministrativo dell’autovettura con affidamento al custode acquirente della Provincia di Como sino all’avvenuto pagamento.