Quantcast

Galbiati, il sindaco di Cantù scrive ad ATS e ASST: “sono necessarie spiegazioni sulla politica vaccinale”

"Ho appreso dalla stampa che il punto vaccini dell’Ospedale Sant’Antonio Abate terminerà il proprio servizio - ha scritto Galbiati - non nascondo delusione"

Questa mattina, lunedì 12 aprile, il Sindaco di Cantù Alice Galbiati ha inviato, al Direttore Generale ATS Insubria dottor Gutierrez e al Direttore Generale ASST Lariana dottor Banfi, una lettera in cui si richiedono spiegazioni circa la politica vaccinale adottata nel canturino e nel marianese e, in particolare, riguardo la presunta sospensione del punto vaccini presso l’Ospedale Sant’Antonio Abate di Cantù.

«Nei giorni scorsi – si legge nella missiva scritta dal sindaco Galbiati – ho appreso dal quotidiano La Provincia che il punto vaccinale presso l’Ospedale Sant’Antonio Abate terminerà il proprio servizio alla cittadinanza, proseguendo per i soli pazienti fragili già in carico al servizio sanitario. Dopo settimane di contatti, manifestazioni di disponibilità e rassicurazioni circa il mantenimento del punto vaccinale, non posso nascondere incredulità e delusione. Non tanto e non solo per avere appreso la notizia a mezzo stampa, senza alcun preavviso, quanto per il fatto che sembra oramai pacifica l’equazione tale per cui se si vuole ottenere qualcosa l’unica via è quella delle alzate di scudi, così come accaduto per il punto presso l’ospedale di Menaggio, destinato alla chiusura e, oggi, restituito alla sua funzione. Sono sinceramente felice per il collega Spaggiari e ancor di più per i cittadini della Tremezzina, che non dovranno arrivare fino a Como per vaccinarsi. Il messaggio che passa è però svilente, e lo è principalmente per Voi e per gli Enti che gestite, che paiono alla mercè del vento di volta in volta più tagliente. Solo alzando la voce e picchiando i pugni sul tavolo si ottiene attenzione? Non posso, non voglio crederlo».

«È tuttavia mio preciso dovere difendere gli interessi, non della politica locale, ma delle migliaia di persone afferenti al territorio canturino alle quali io e gli altri colleghi Sindaci siamo chiamati a dare giornalmente conto – ha proseguito il primo cittadino – A queste persone vorrei raccontare che ATS ed ASST stanno facendo ogni sforzo possibile nonostante i numeri attribuiscano alla provincia di Como la maglia nera regionale per somministrazione di vaccini. Eppure i fatti ci dicono che il punto di Cantù (forse) chiuderà, quello di Mariano Comense non è ancora attivo. A fare da contraltare i dati, soprattutto nel canturino, che evidenziano elevate incidenze di contagio. Il canturino e il marianese, un bacino d’utenza di oltre 100 mila persone attualmente dirottate su Erba, Lurate Caccivio o Cernobbio. Ho detto più volte che non ne faccio una questione di campanilismo, più volte ho spiegato che le valutazioni di ATS hanno matrice tecnica ed una visione d’insieme non volta a favorire un Comune piuttosto che un altro o una parte politica piuttosto che un’altra».

infermieri vaccini galbiati

«Se le notizie riportate dalla stampa fossero confermate – ha concluso il Sindaco Galbiati – questo territorio sarebbe però inopinatamente ed ingiustificatamente svantaggiato. È doveroso da parte vostra prendere una posizione e, soprattutto, dare risposte certe. Non solo a me o agli altri Sindaci del territorio, ma ai nostri concittadini, Vostri utenti. Resto convinta che il buon senso ed una più approfondita analisi porteranno alla decisione di proseguire la somministrazione presso l’Ospedale di Cantù anche per le altre fasce di popolazione e per tutto il tempo che sarà necessario. Sono certa che comprenderete l’importanza di condividere queste informazioni con tutti i cittadini e spero apprezzerete una mano tesa piuttosto che un pugno sul tavolo. A tal proposito Vi invito ad un incontro pubblico da tenersi a stretto giro al fine illustrare le strategie della campagna vaccinale sul nostro territorio, spiegandone motivi ed obiettivi».